Apple: stop vendite in Russia in Borsa pesa su azioni? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Apple: stop vendite in Russia in Borsa pesa su azioni?

Apple: lo stop alle vendite in Russia potrebbero indebolire il titolo?

Anche Apple scende in campo in difesa dell’Ucraina. Seguendo quello che avevano fatto altre aziende negli ultimi giorni, la multinazionale di Cupertino risponde all’appello del vice primo ministro ucraino sospendendo la vendita dei suoi prodotti e il funzionamento di alcuni suoi servizi. Nello specifico la società ha spiegato di essere “profondamente preoccupata” dell’invasione russa e oltre a sospendere le proprie vendite in Russia (non avendo negozi monomarca nel Paese vende attraverso lo shop online) ha anche disabilitato il funzionamento di servizi come Apple Maps e di Apple Pay. Questi due servizi avevano comunque già smesso di funzionare con le carte di credito russe a seguito delle sanzioni economiche.

Apple non si è fermata solo a prendere queste decisioni ma ha anche rimosso le applicazioni di RT News e di Sputnik News (siti d’informazione russa legati al governo) dagli App Store nei paesi fuori dalla Russia. Infine secondo RIA Novosti, l’agenzia di stampa russa, alcune app di home banking russe potrebbero smettere di funzionare sui dispositivi Apple. Se dal punto di vista economico l’impatto per la società dovrebbe essere limitato, al contrario Tim Cook potrebbe aver messo a segno un colpo importante per quanto riguarda l’impatto sull’opinione pubblica.

 

Azioni Apple: analisi tecnica e strategie operative

Andiamo ora a vedere cosi ci dice il suo grafico e vediamo l’intonazione delle azioni Apple quotate a Wall Street. Se il trend di fondo rimane ancora impostato al rialzo, nel breve periodo la situazione si è deteriorata con le quotazioni che dai massimi di inizio anno in area 183 dollari sono scese fin verso i 152 dollari, ex top di fine ottobre 2021. Nel breve termine importante sarà la tenuta di quest’ultimi livelli per evitare una continuazione delle vendite che potrebbero a quel punti spingere il titolo in direzione dei 147 dollari e a seguire verso i prossimi supporti situati nei pressi dei 138-138,50 dollari. Al contrario segnali di ritrovata forza si materializzerebbero con il superamento dei 166-166,50 dollari, oltre i quali il titolo Apple riprenderebbe il suo trend di fondo rialzista con primi target sui 176 dollari sopra i quali si andrebbero a rivedere i suoi massimi di sempre in area 183 dollari.

 

AUTORE

Picture of Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *