Auto elettriche: Rivian e Lucid su strade diverse, ecco chi fa meglio - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Auto elettriche: Rivian e Lucid su strade diverse, ecco chi fa meglio

Auto elettriche: Rivian e Lucid, previsioni di produzione all'opposto

Il settore delle auto elettriche sta attraversando un processo di profonda trasformazione. Tutte le nazioni del mondo stanno intensificando gli sforzi per diminuire le emissioni di CO2 abbandonando i veicoli endotermici. Le incertezze però sono ancora tante, con i consumatori faticano ad abbracciare completamente il cambiamento in atto. In tale contesto, Rivian Automotive ha alzato le sue previsioni di produzione per il 2023 da 52 a 54 mila veicoli, a fronte di una domanda sostenuta per camion e SUV. Viceversa, la rivale Lucid Group prevede un produzione inferiore rispetto alle proiezioni: 8-8,5 mila vs 10 mila unità.

Sulla differenza di prospettive tra le due società si è espresso l’amministratore delegato di Rivian, R.J. Scaringe, che si è detto “sorpreso” del fatto che “altri si siano tirati indietro”. A suo avviso, questo potrebbe “creare un vuoto di prodotti sul mercato”. Le previsioni più cupe di Lucid non sono le uniche. Il mese scorso Tesla ha espresso cautela in relazione all’impatto dei tassi di interesse sulla domanda, riecheggiando simili avvertimenti di General Motors e Ford.

 

Auto elettriche: Rivian e Lucid, trimestrali diverse

A differenza di Lucid, Rivian mostra una certa resilienza in un contesto che si presenta molto sfidante per il mercato delle auto elettriche e nonostante il mese scorso abbia emesso un’obbligazione che ha fatto crollare le azioni a Wall Street. La società nel terzo trimestre di quest’anno ha riportato un fatturato di 1,34 miliardi di dollari – in linea con le stime degli analisti – e ridotto le perdite trimestrali. Secondo Alec Lucas, analista di Global X, “Rivian sembra beneficiare di uno scenario di prezzi delle materie prime più favorevole, della realizzazione del portafoglio ordini e di progressi verso le economie di scala”. In particolare, l’azienda non ha tagliato i prezzi dei suoi veicoli mentre ha iniziato a ridurre i costi. Inoltre ha dichiarato che terminerà l’accordo in esclusiva con Amazon per effettuare le consegne con il suo furgone elettrico e ciò aprirà le porte ad altri clienti in tutto il mondo.

La situazione di Lucid è molto diversa. L’azienda ha riportato vendite per 137,8 milioni di dollari nel terzo trimestre dell’anno in corso rispetto ai 195,5 milioni di euro dello stesso periodo del 2022, mancando le stime degli analisti di 183,8 milioni di dollari. La produzione è scesa di quasi il 30% a 1.550 veicoli nello stesso periodo. Questi dati negativi hanno portato a una riduzione delle perdite trimestrali sebbene anno su anno il passivo sia passato da 530,1 a 630,9 milioni di euro. “I risultati del 2023 di Lucid riflettono gli sforzi per scalare la produzione e un’iniziativa di ristrutturazione in corso”, ha affermato Lucas.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *