Azioni Apple: 4 ragioni per comprarle - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Apple: 4 ragioni per comprarle

Azioni Apple: BofA alza il rating, 4 ragioni per comprarle

Le azioni Apple sono in rialzo di circa il 2% poco dopo l’apertura odierna delle contrattazioni a Wall Street. A muovere gli acquisti l’upgrade sul titolo da parte degli analisti di Bank of America, che hanno portato il rating da “Buy” a “Neutral”. La banca d’affari americana ha aumentato il suo obiettivo di prezzo da 208 a 225 dollari, che rappresenta circa il 23% in più rispetto all’ultima chiusura del titolo a Wall Street di 182,68.

Il gigante di Cupertino ha iniziato sottotono il 2024 in Borsa, perdendo il 5,12% finora e soprattutto la palma di società più capitalizzata del mondo a vantaggio di Microsoft. L’andamento ha invertito un 2023 brillante, in cui il produttore di iPhone ha guadagnato il 48,18% sulla scia delle aspettative di allentamento della politica monetaria da parte della Federal Reserve e della forza di vendita dell’azienda nonostante le difficoltà.

Proprio le difficoltà del business hanno determinato però il cambio di umore degli investitori quest’anno. Apple proviene da cinque trimestri consecutivi di entrate in calo su base annua perché la domanda di telefoni e PC ha subito un rallentamento che, secondo le previsioni degli esperti del settore, continuerà fino alla seconda parte del 2024. Inoltre, l’azienda è insidiata dall’ascesa di Huawei in Cina, che è riuscita a superare le restrizioni USA sulle esportazioni di chip di fascia alta proponendo lo scorso anno lo smartphone d’avanguardia Mate 60 Pro.

 

Azioni Apple: BofA, ecco perché vanno comprate

L’ottimismo di BofA sulle azioni Apple è dettato fondamentalmente da quattro ragioni.

In primo luogo, l’iPhone sarà oggetto di un periodo prolungato di aggiornamenti, il che comporterà più alte proiezioni sulle vendite. Secondo le ricerche effettuate dalla banca, a dicembre c’è stato un sostanziale aumento della produzione di iPhone, che potrebbe però essere compensato da una riduzione nel trimestre di marzo. Verso la fine dell’anno comunque è previsto il lancio di un iPhone dotato di intelligenza artificiale che sta alimentando le attese dei consumatori.

In secondo luogo, BofA si attende un’accelerazione dell’aumento dei servizi digitali, grazie a “una crescita di una base più ampia di utenti in varie categorie, tra cui pubblicità, salute e fitness”, hanno affermato gli analisti nel loro rapporto.

In terzo luogo, la presentazione di Vision Pro – il visore per la realtà mista – prevista per il mese prossimo potrebbe essere un altro catalizzatore importante. A giudizio di BofA, il prodotto finirà per generare più ricavi dell’iPad, per effetto della diffusione dell’immersive computing e dell’unicità delle applicazioni.

Infine, l’istituto bancario statunitense è convinto che “il periodo di aggiustamenti al ribasso delle previsioni sugli utili per azione di Apple sia terminato”. Le previsioni di BofA ora sono di EPS superiori al 7% rispetto alle previsioni medie del mercato per il 2025 e al 4% in confronto alle stime per il 2026.

AUTORE

Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *