Azioni Leonardo, cosa fare dopo i progetti vinti in ambito europeo - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Leonardo, cosa fare dopo i progetti vinti in ambito europeo

Nell'immagine, l'ingresso della sede di Leonardo

Leonardo è risultato il secondo player europeo per numero di progetti vinti nell’ambito dell’European defence fund work program 2023 della Commissione europea. Il gruppo guidato da Roberto Cingolani è infatti coinvolto in 13 dei progetti selezionati, 11 di sviluppo capacitivo e 2 di ricerca, su un totale di 54 progetti che vedono la partecipazione di 581 società ed enti di 26 Paesi europei più la Norvegia.

Leonardo guiderà due tra le principali iniziative nelle categorie spazio e air defence: Emissary (European Military Integrated Space Situational Awareness and Recognition capability) e E-Cuas (European Counter Uas), caratterizzate da una forte componente innovativa per le tecnologie che saranno sviluppate e tra i progetti con il finanziamento europeo più elevato. Di rilievo anche la partecipazione di Leonardo ad alcuni programmi di punta della Commissione per l’autonomia strategica del Continente. Tra questi, Epc2 (European Patrol Corvette 2), per lo sviluppo di un prototipo di nuova corvetta europea; Esoca (European eco-System for Outsized Cargo Airlift), che costruirà una capacità di trasporto aereo strategico; Ng-Mima (Next Generation Military Integrated Modular Avionics), dedicato alla progettazione e dimostrazione di tecnologie chiave per i velivoli da combattimento del futuro. Infine Marte (Main ARmoured Tank of Europe), per lo studio e la progettazione delle future piattaforme terrestri.

Il budget complessivo in ambito Edf nel 2023 è stato di oltre 1 miliardo di euro, con i finanziamenti suddivisi in 265 milioni per 28 progetti di ricerca e 766 milioni per 26 progetti di sviluppo. L’Italia si è collocata ai primi posti per numero di progetti vincenti (35), con 8 iniziative coordinate di cui Leonardo guida le due più rilevanti, Emissary e E-Cuas, contribuendo così significativamente al risultato complessivo dell’Italia.

 

Azioni Leonardo:  quotazioni in ribasso verso il supporto a 21 euro

Le azioni Leonardo sembrano essere impostate al ribasso nel breve termine, anche grazie alla performance negativa registrata nella seduta di ieri. Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno dapprima intrapreso un andamento fortemente rialzista che le ha portate a realizzare un massimo sul livello 22,32, per poi invertire drasticamente la rotta fino a raggiungere un minimo a quota 21,39.

Dopo il doppio massimo toccato a inizio giugno in area 24,50 euro, l’azione è scesa violentemente con un forte movimento ribassista (caratterizzato da quattro sedute negative consecutive) fino ad arrestare la caduta in prossimità del supporto presente sul livello 21. Da quel momento i corsi hanno tentato un altrettanto veloce rimbalzo che però non è andato oltre un massimo relativo a quota 22,93, per poi ricominciare a perdere nuovamente terreno.

Il tutto fino alla giornata di ieri che, nonostante l’iniziale tentativo di rialzo servito solo per ricoprire un gap down rimasto precedente aperto, ha confermato la pressione ribassista su Leonardo, con la formazione di un pattern di analisi candlestick denominato “Bearish Engulfing”. Per l’immediato futuro, quindi, la struttura grafica del titolo rimane negativa con buone probabilità di raggiungere a breve il già citato supporto dei 21 euro.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 22,32 con target nell’intorno dei 23,06 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 21,39 con obiettivo molto vicino al livello 20,76. L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati ribassisti a metà giugno. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’oscillatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 41.


L’andamento di breve termine del titolo LEONARDO

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *