Azioni LVMH verso nuovi minimi annuali dopo la deludente trimestrale? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni LVMH verso nuovi minimi annuali dopo la deludente trimestrale?

Azioni LVMH: possibili nuovi minimi annuali dopo la deludente trimestrale?

Sulla Borsa di Parigi spicca il sell-off sul titolo LVMH, con le quotazioni che sono scese sotto l’importante soglia dei 700 euro. A innescare le vendite sono stati i dati del terzo trimestre, comunicati dall’azienda del lusso nella serata di ieri, che hanno deluso gli investitori. Nello specifico, nel periodo luglio-settembre dell’anno in corso le vendite si sono attestate sotto i 20 miliardi di euro, registrando un aumento dell’1% dopo molti trimestri di crescita a doppia cifra. A parità di struttura e tasso di cambio l’aumento è stato del 9% risultando sotto le attese degli analisti che stimavano una crescita dell’11,5%. In questo contesto il totale dei primi 9 mesi dell’anno in corso si porta sui 62,2 miliardi di euro, con un incremento annuo delle vendite del 10%.

Sui conti deludenti hanno impattato sia un’inflazione che è rimasta su livelli sostenuti che l’aumento dei tassi di interesse, che hanno costretto i consumatori a rallentare gli acquisti. Per quanto riguarda le varie aree geografiche si è registrato un calo della domanda di beni di alta gamma sia in Europa che oltreoceano, mentre in Cina la ripresa è risultata discontinua. Nel dettaglio, il settore moda e pelletteria, che include Louis Vuitton e Dior, ha registrato un fatturato di 9,75 miliardi di euro, in crescita del 9% rispetto a un consensus che vedeva un’aumento del 10%, mentre il segmento vini e liquori ha segnato un calo del 20% a 1,5 miliardi di euro. Segnali negativi anche per il settore degli orologi, sceso del 5%, mentre al contrario buoni numeri sono arrivati dalla divisione profumi e cosmetici che, sfiorando i 2 miliardi di euro, ha avuto una crescita del 12%.

 

Azioni LVMH: analisi tecnica e strategie operative

Andiamo ora a vedere come si sta muovendo l’azione sulla Borsa di Parigi. Con volumi in deciso aumento rispetto alla media giornaliera mensile, quella odierna è una seduta in forte calo per le azioni LVMH, con le quotazioni che perdono l’importante soglia psicologica dei 700 euro. Nel breve termine una conferma sotto questi livelli farebbe proseguire il trend discendente innescatosi dai top dello scorso mese di aprile sui 945 euro, prima in direzione dei minimi annuali posti sui 680 euro e in seguito verso i 665-660 euro. Nel caso in cui anche tali sostegni dovessero essere violati al ribasso si aprirebbero le porte per un’ulteriore discesa in direzione del bottom degli ultimi 12 mesi situato sui 600 euro.

Al contrario, il superamento dei 750 euro, dove troviamo l’indicatore giornaliero del Supertrend, porrebbe la basi per un rimbalzo dei corsi prima verso i 775 euro e successivamente in direzione degli 800-810 euro. Dal punto di vista operativo sarà solo lasciandosi alle spalle queste aree resistenziali, nei cui pressi troviamo la media mobile di lungo periodo, che si avrebbe un allentamento della pressione ribassista con possibili ulteriori apprezzamenti del titolo fin verso gli 850 euro.

 

DISCLAIMER

Le analisi in oggetto non sono state sponsorizzate dall’emittente o dall’intermediario menzionato. Le informazioni contenute non devono essere considerate né interpretate come consulenza in materia di investimenti. Eventuali punti di vista e/o opinioni espressi non sono intesi e non devono essere interpretate come raccomandazioni o consigli di investimento, fiscali e/o legali. BORSAEFINANZA SRL non si assume alcuna responsabilità per azioni, costi, spese, danni e perdite subite a seguito di informazioni, punti di vista o opinioni presenti nelle analisi di borsaefinanza.it. Prima di intraprendere decisioni di investimento, invitiamo gli utenti a leggere la documentazione regolamentare sempre disponibile per legge sui siti degli emittenti ed ottenere una consulenza professionale. Qui è possibile trovare le informazioni sul produttore dell’analisi.

AUTORE

Picture of Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *