Azioni Netflix: dopo il sell-off è giunta l'ora degli acquisti? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Netflix: dopo il sell-off è giunta l’ora degli acquisti?

Azioni Netflix: dopo il sell-off è giunta l'ora degli acquisti?

Cosa fare in Borsa con le azioni Netflix? Per il titolo della società americana sono settimane difficili a Wall Street. Complice un clima meno favorevole verso i titoli tecnologici che si respira tra gli investitori da inizio anno, Netflix ha pagato a caro prezzo i risultati trimestrali. Il sell-off che ha colpito le quotazioni di Neflix nasce dal deludente outlook sui nuovi abbonamenti emerso in occasione della pubblicazione dei dati del trimestre. Le previsioni sono risultata ampiamente sotto le attese.

 

Azioni Netflix: Bill Ackman va long sul titolo

In un clima come detto non propriamente costruttivo, alcune notizie potrebbero però contribuire a riportare un pò di ottimismo sulla società statunitense. Sul titolo del colosso di streaming Usa a dare un pò di positività potrebbe essere la notizia relativa alla decisione dell’investitore leggendario Bill Ackman, responsabile dell’hedge fund Pershing Square Capital Management, di acquistare azioni Netflix per un valore superiore a 1 miliardo di dollari. Infatti dopo i deludenti dati trimestrali Pershing ha acquistato più di 3,1 milioni di titoli portando l’hedge fund ad essere tra i 20 principali azionisti della società.

 

Netflix: analisi tecnica e strategie operativa titolo

L’impostazione sul titolo rimane confermata al ribasso con le quotazioni che, dopo il sell-off di venerdì scorso, nella seduta di martedì hanno testato l’area dei 350 dollari. Nel breve, in scia al forte ipervenduto presente che all’investimento da parte di Bill Ackman, le attese sono per un rimbalzo dei prezzi che nel caso in cui si spingessero oltre i 410 dollari potrebbero innescare un recupero più importante in direzione dei 450 dollari e a seguire 480 dollari. Al ribasso inutile dire che saranno i minimi di periodo ad essere monitorati perché in caso di eventuale discesa sotto questi livelli proseguirebbe il trend ribassista in atto in direzione dei 290 dollari, riportando così i prezzi sui livelli del Marzo 2019.

 

AUTORE

Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI