Azioni Roche: conti primo trimestre deludono, cosa fare in Borsa? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Roche: conti primo trimestre deludono, cosa fare in Borsa?

Roche: deludono i conti del primo trimestre. Quali i motivi e le attese sul titolo?

Alla Borsa di Zurigo è una giornata all’insegna della debolezza per le azioni Roche, con il titolo farmaceutico che paga i risultati comunicati dalla società poco prima dell’apertura dei mercati. Nello specifico il primo trimestre dell’anno in corso ha visto i ricavi attestarsi a 15,32 miliardi di franchi, risultando in calo del 7% rispetto allo stesso periodo del 2022. Su questi numeri ha impattato in maniera decisa il forte calo dei test anti-Covid19, che si sono riflessi nella divisione diagnostica che ha subito una diminuzione del fatturato nell’ordine del 28% a 3,62 miliardi di franchi. Al contrario segnali positivi giungono dalla divisione Pharma, cresciuta rispetto all’anno precedente del 4,8% a 11,70 miliardi di franchi.

Nel dettaglio tra i prodotti più venduti troviamo Vabysmo, farmaco utilizzato nelle patologie oculari, che lanciato all’inizio del 2022 è diventato il principale motore di crescita delle divisione e che in seguito ai dati positivi di fase III per l’occlusione della vena retinica, potrebbe essere esteso anche per trattare questa patologia. In questo contesto l’azienda si augura che questo farmaco possa rendere meno pesante il fallimento arrivato nel novembre scorso della cura contro l’Alzheimer, che nel caso di risultato positivo avrebbe potuto generare vendite annuali vicine ai 10 miliardi di franchi.

Al contrario nella divisione diagnostica a trainare le vendite sono stati i prodotti immunodiagnostici, con una crescita del 9%, ed in particolare i test cardiaci. Ulteriori impulsi alla crescita sono venuti sia dal settore della virologia di base che dallo screening del sangue,  ma in particolar modo dalle soluzioni diagnostiche per il rilevamento e il monitoraggio del tumore della cervice uterina, che ha visto un aumento del 22%.

 

Azioni Roche: analisi tecnica e strategie operative

Andiamo a vedere qual è la reazione dell’azione dopo queste notizie. Come scrivevamo all’inizio di questo articolo, questa odierna è una giornata all’insegna delle vendite per le azioni Roche, che in questo modo arresta quel recupero che si era innescato nel mese di marzo dai minimi di periodo in area 256 franchi. Nel breve periodo fondamentale sarà ora la tenuta dei primi sostegni situati sui 274,5 franchi, per evitare una continuazione della debolezza che avrebbe un primo obiettivo i 270 franchi e successivamente i 263 franchi. Nel caso in cui i prezzi dovessero violare al ribasso quest’ultimi livelli, l’azione andrebbe a mettere sotto pressione i minimi di periodo in area 256 franchi.

Al contrario un segnale di forza, che andrebbe a riattivare il trend rialzista che aveva caratterizzato le ultime ottave, si avrebbe con il superamento dei massimi di ieri situati sui 283 franchi. Dal punto di vista operativo una conferma oltre queste aree resistenziali aprirebbe le porte ad ulteriori recuperi in direzione dei 284,5 franchi e a seguire i 288 franchi. L’eventuale superamento dei livelli appena menzionati andrebbe a rafforzare la struttura grafica, con possibili ulteriori allunghi verso la soglia dei 300 franchi e successivamente i 315 franchi.

AUTORE

Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *