Azioni Saipem: test sui top di periodo con contratti da 3,7 mld $? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Saipem: test sui top di periodo con contratti da 3,7 mld $?

Nell'immagine, la nave FPSO di Saipem.

A Piazza Affari in una seduta contrassegnata dalle vendite si mettono in luce le azioni Saipem, con i prezzi che sono tornati nei pressi dei massimi di periodo. A rafforzare il sentiment sull’azione sono stati i nuovi contratti firmati dalla società e comunicati stamane poco prima dell’apertura delle contrattazioni. Il gruppo si è aggiudicato da TotalEnergies EP Angola Block 20, tre nuove commesse dal valore complessivo di 3,7 miliardi di euro.

Il primo contratto riguarda l’ingegneria, l’approvvigionamento, la costruzione, il trasporto e il commissioning del mezzo navale FPSO Kaminho. Il secondo contratto comprende l’operation & maintenance  dello stesso mezzo FPSO per un periodo di 12 anni, con una potenziale estensione di ulteriori 8 anni. L’ultimo contratto prevede l’ingegneria, l’approvvigionamento, la fornitura, la costruzione, l’installazione, il pre-commissioning e l’assistenza per il commissioning e la fase di start-up di un pacchetto SURF, che include circa 30 km di condotte e risers da 8” e da 10” e ombelicali. Le strutture associate saranno fabbricate nello stabilimento locale di Saipem ad Ambriz, mentre per la campagna offshore la società impiegherà il proprio mezzo FDS coinvolgendo la supply chain locale per le attività logistiche e di fabbricazione. Da sottolineare che i contratti odierni rappresentano quasi il 50% della raccolta ordini stimata nel 2024 per l’E&C offshore, ovvero il 30% della raccolta complessiva del gruppo per quanto riguarda l’anno in corso.

 

Azioni Saipem: analisi tecnica e strategie operative

Andiamo ora a vedere come si stanno comportando le azioni Saipem a Piazza Affari. Con volumi superiori alla media giornaliera mensile è una seduta all’insegna degli acquisti, con le quotazioni che si sono portate nei pressi dei 2,35 euro. Nel breve periodo le attese sono per una continuazione del movimento ascendente in direzione dei massimi di periodo posizionati sui 2,465-2,47 euro. Nel caso in cui queste ultime aree resistenziale dovessero essere lasciate alle spalle, si avrebbe un rafforzamento della struttura grafica i cui prossimi obiettivi sarebbero posti prima sui 2,70-2,75 euro e in seguito sulla soglia dei 3 euro, che rappresentano i top degli ultimi 24 mesi.

Al contrario la perdita dei 2,12 euro, dove troviamo l’indicatore giornaliero del Supertrend, dovrebbe riattivare la fase correttiva innescatasi lo scorso 15 aprile, in direzione della soglia dei 2 euro. Una discesa sotto questi supporti farebbe proseguire la discesa i cui prossimi target sarebbero a 1,88-1,87 euro e successivamente 1,82 euro. Nel caso di violazione di tali supporti, i corsi dovrebbero andare prima a rivedere gli 1,75 euro e in seguito gli ex massimi dello scorso anno situati in area 1,65 euro, nelle cui vicinanze troviamo anche la media mobile di lungo periodo.

 

DISCLAIMER

Le analisi in oggetto non sono state sponsorizzate dall’emittente o dall’intermediario menzionato. Le informazioni contenute non devono essere considerate né interpretate come consulenza in materia di investimenti. Eventuali punti di vista e/o opinioni espressi non sono intesi e non devono essere interpretate come raccomandazioni o consigli di investimento, fiscali e/o legali. BORSAEFINANZA SRL non si assume alcuna responsabilità per azioni, costi, spese, danni e perdite subite a seguito di informazioni, punti di vista o opinioni presenti nelle analisi di borsaefinanza.it. Prima di intraprendere decisioni di investimento, invitiamo gli utenti a leggere la documentazione regolamentare sempre disponibile per legge sui siti degli emittenti ed ottenere una consulenza professionale. Qui è possibile trovare le informazioni sul produttore dell’analisi.

 

AUTORE

Picture of Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *