Azioni tech: ecco quanto hanno perso gli hedge fund con crollo gennaio
Cerca
Close this search box.

Azioni tech: ecco quanto hanno perso gli hedge fund con crollo gennaio

Azioni tech: ecco quanto hanno perso gli hedge fund con crollo di gennaio

Dopo una tregua di 4 giorni, le azioni tech sono tornate a essere vendute a Wall Street. Il sell-off è ripreso violento dopo la pubblicazione della trimestrale di Meta Platforms, che ha lanciato un campanello di allarme sulle prospettive di crescita dell’azienda. L’ambiente di tassi alti che si attendono per tutto l’anno a partire dalla prossima riunione ufficiale della Federal Reserve non aiuta il mercato a mantenere posizioni rialziste sulle azioni legate alla crescita. Nemmeno su quelle le cui società sfoderano numeri trimestrali da stropicciarsi gli occhi. La sensazione è che il 2022 sarà contrassegnato da alti (pochi) e bassi (molti) sulla tecnologia, a beneficio di settori maturi come quello finanziario, che sicuramente sarà tra quelli che più traggono profitto da rendimenti in salita.

 

 

Azioni tech: la debacle degli hedge fund

Quindi il mese di gennaio è stato un antipasto di quello che accadrà? Probabile. A meno che nel frattempo non capitino eventi che rimettono in discussione tutto, come un calo improvviso dell’inflazione americana per effetto del rallentamento della carenza degli approvvigionamenti e del calo del costo delle materie prime, o come il peggioramento dell’economia americana e dell’occupazione per via della recrudescenza pandemica. 

Per gli operatori di mercato questo sarà un problema da affrontare volta per volta, ma già è possibile fare un bilancio di quanto per colpa del crollo dei titoli tech i grandi investitori hanno perso nel mese di gennaio. Il NASDAQ-100 è arretrato del 9%, facendo segnare il mese peggiore da marzo 2020, trascinando a fondo quelli che si erano esposti sulle azioni growth. 

L’hedge fund Whale Rock Capital Management, che investe in azioni di società pubbliche e private ad alta crescita, ha lasciato sul mercato il 15,9%. Non molto meglio hanno fatto Tiger Global Management che ha perso il 14,8%, Melvin Capital Management e Light Street Capital Management crollate entrambe del 15%. 

Alcuni fondi hanno investito in biotecnologie, che sono state un cavallo di battaglia degli hedge fund negli ultimi anni, ma gennaio è stato disastroso, con Perceptive Advisors che è naufragata del 18% e RTW Investments affondata del 17,7%. Nel marasma generale c’è anche chi è riuscito a contenere le perdite. Tra questi Coatue Management, arretrato in Borsa solo del 4,2%, e Viking Global Investors che ha subito un calo del 4,5%.

 

 

Azioni tecnologiche: cosa faranno gli hedge fund dopo il crollo?

Il contesto generale non è dei più incoraggianti e alcuni stanno valutando se sia o meno il caso di tagliare determinati investimenti, soprattutto in società tecnologiche non redditizie e quindi maggiormente assoggettate a tempeste ribassiste, migrando verso aziende più agganciate al ciclo economico e ai fondamentali. Altri fondi come Tiger ad esempio vedono invece delle opportunità. A fine anno, l’hedge fund aveva consigliato ai suoi clienti di investire maggiormente nei fondi long-only, mentre all’inizio dell’anno aveva scritto che le quotazioni azionarie del portafoglio gestito in genere funzionano molto bene e il calo che si è visto offre delle valutazioni inferiori rispetto a quanto osservato nella storia recente.

 

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *