Azioni Tiscali: cosa fare in Borsa dopo acquisto 40% di Connecting Project?

Azioni Tiscali: cosa fare in Borsa dopo acquisto 40% di Connecting Project?

Azioni Tiscali: cosa fare in Borsa dopo acquisto di Connecting Project?

Tiscali entra in Connecting Project con il 40% del capitale e con l’opzione per un ulteriore 30%. È stato il cda della controllata operativa, Tiscali Italia, a comunicare l’investimento nella società italiana specializzata nell’offerta di soluzioni integrate e ad alto valore aggiunto dedicate agli operatori retail di telecomunicazione. In seguito all’integrazione con le attività retail del gruppo Linkem, “Tiscali ha dato avvio a questa operazione societaria strategica, finalizzata alla creazione di un nuovo segmento di offerta, dedicato ai rivenditori di servizi di telecomunicazioni”, recita la nota.

Nello specifico, Tiscali Italia ha sottoscritto un contratto preliminare di compravendita che prevede l’acquisto di una percentuale pari al 40% del capitale sociale di Connecting Project, per un importo pari a 1,7 milioni di euro. Il contratto prevede anche un’opzione, esercitabile fino all’assemblea che approverà il bilancio 2025 della neo-acquisita, per l’acquisto di un’ulteriore quota pari al 30% del capitale della società, a un prezzo pari a 1,5 milioni. In caso di esercizio di quest’opzione, il socio venditore avrà diritto a cedere a Tiscali anche la residua quota del 30% a un prezzo pari a 0,75 milioni. Il contratto prevede anche patti parasociali tra Tiscali Italia e il socio venditore per disciplinare la futura gestione della società, nata nel 2006 per offrire servizi per la progettazione delle reti di telecomunicazioni, fonia e dati.

Il perfezionamento dell’operazione, è stato puntualizzato, “è ancora subordinato all’avveramento o alla rinuncia di alcune condizioni sospensive, tra le quali l’approvazione da parte degli istituti finanziatori di Tiscali, l’assenza di azioni, cause, procedimenti o indagini pendenti innanzi a qualsiasi autorità aventi lo scopo di vietare o proibire l’esecuzione dell’operazione, nonché il mancato verificarsi entro la data di esecuzione di un evento significativo pregiudizievole per le condizioni economiche, legali o di mercato della target”.

Obiettivo: creare un nuovo segmento di offerta, dedicato ai rivenditori di servizi di telecomunicazioni. A oggi, in Italia, sono oltre cento i soggetti autorizzati dal Ministero dello Sviluppo Economico alla rivendita di servizi tlc, destinatari dei servizi di questa nuova iniziativa. Quindi, grazie all’investimento in Connecting Project e alle rilevanti sinergie infrastrutturali e operative, Tiscali sarà in grado di offrire al mercato dei retailer soluzioni integrate basate sulla migliore connettività disponibile, servizi voce, cloud, software e CRM, con un semplice modello one stop shop in grado di fornire a un operatore retail tutti gli strumenti necessari per essere competitivo nel mercato delle telecomunicazioni. Attraverso il coordinamento di tali attività, “l’offerta commerciale del gruppo si apre a una nuova opportunità di mercato, capace di orientare il percorso imprenditoriale della società verso il profilo di abilitatore tecnologico”, si legge ancora nella nota.

 

Azioni Tiscali: doppio minimo a 0,5720 potrebbe essere preludio ad un rialzo di breve

Le azioni Tiscali quotate a Piazza Affari sembrano essere impostate al rialzo nel breve termine. Questo grazie anche alla performance molto positiva registrata nella seduta di ieri (+4,25%). Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente rialzista che le ha portate a realizzare un massimo sul livello 0,6190, per poi mantenersi tutto il resto della giornata all’interno di uno stretto trading range che non è mai sceso sotto quota 0,6094.

La perdurante discesa delle quotazioni, iniziata esattamente due anni fa, potrebbe essersi momentaneamente arrestata grazie alla configurazione di doppio minimo che si è realizzata la scorsa settimana a quota 0,5720. Certamente è ancora presto per poter intravedere una inversione di tendenza, mancano pattern e indicatori che lo confermino, però si ritiene sia possibile sfruttare questo momento favorevole per cogliere un possibile rimbalzo almeno di corto respiro. Il tutto considerando anche la generalizzata forza rialzista dell’intero mercato azionario italiano, decisamente in ripresa nonostante le problematiche geopolitiche e inflattive ancora esistenti.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 0,6190 con target nell’intorno di 0,6416 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 0,5960 con obiettivo molto vicino al livello 0,5720.

L’impostazione grafica, comunque, vede i prezzi stazionare al di sopra dell’indicatore Parabolic Sar mentre sia l’indicatore Supertrend che la media mobile a 25 sono ribassisti da metà agosto. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 43.


L’andamento di breve termine del titolo TISCALI

AUTORE

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *