Banco Santander: cosa fare in Borsa con azioni dopo multa in UK? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Banco Santander: cosa fare in Borsa con azioni dopo multa in UK?

Banco Santander: cosa fare in Borsa con azioni dopo multa in UK?

La Financial Conduct Authority (FCA) del Regno Unito ha multato Santander Uk per 107,79 milioni di sterline (123 milioni di euro) dopo aver riscontrato lacune nei suoi controlli antiriciclaggio, che hanno interessato i suoi clienti business banking. Lo rende noto la FCA con un comunicato. Tra il 31 dicembre 2012 e il 18 ottobre 2017, Santander, secondo l’autorità di vigilanza, non ha supervisionato e gestito adeguatamente i suoi sistemi antiriciclaggio, il che ha avuto un impatto significativo sulla supervisione dei conti di oltre 560.000 clienti commerciali.

L’azienda non è riuscita a monitorare adeguatamente il denaro che i clienti avevano detto che sarebbe transitato sui loro conti rispetto a quello che veniva effettivamente depositato. “La cattiva gestione dei sistemi antiriciclaggio da parte di Santander e i tentativi inadeguati di risolvere i problemi hanno creato un rischio prolungato e grave di riciclaggio di denaro e di crimini finanziari”, afferma Mark Steward, direttore esecutivo dell’enforcement and market oversight della FCA. Che aggiunge: “Nell’ambito del nostro impegno a prevenire e ridurre il crimine finanziario, continueremo a prendere provvedimenti contro le aziende che non effettuano adeguati controlli antiriciclaggio”.

 

Banco Santander: quotazioni inserite in un canale ascendente

Quotato nell’indice Ibex35 della Borsa di Madrid, il titolo Banco Santander sembra essere impostato al rialzo nel breve termine, anche grazie alla performance positiva registrata nelle ultime sedute. Dopo essere rimbalzate sull’indicatore Supertrend in prossimità del livello 2,6510, infatti, le quotazioni hanno intrapreso un andamento fortemente rialzista che le ha portate a superare il proprio indicatore Parabolic Sar, avendo come obiettivo il raggiungimento del target individuabile a quota 2,9760, corrispondente al massimo del 9 giugno scorso. La conferma della positività della struttura grafica dell’azione è ancora più evidente ampliando l’orizzonte temporale dove, da inizio ottobre, si può osservare come i corsi si stiano muovendo all’interno di un ampio canale ascendente grazie alla nitida presenza di massimi e minimi crescenti.

L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sopra della media mobile a 25 mentre l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 61. Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 2,8685 con target nell’intorno dei 2,9760 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 2,7980 con obiettivo molto vicino al livello 2,6870.


L’andamento di breve termine del titolo BANCO SANTANDER

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *