Binance ritira la licenza di Abu Dhabi, ecco cosa significa - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Binance ritira la licenza di Abu Dhabi, ecco cosa significa

Binance ritira la licenza di Abu Dhabi, ecco cosa significa

Binance ha ritirato la richiesta di licenza all’autorità di regolamentazione finanziaria di Abu Dhabi. Lo ha comunicato un portavoce dell’exchange di criptovalute. “Quando abbiamo valutato le nostre esigenze di licenza globale, abbiamo deciso che questa applicazione non era necessaria”, ha dichiarato.

Binance aveva presentato la richiesta un anno fa attraverso la sua unità di investimento BV Investment Management e il ritiro è avvenuto in data 7 novembre. La licenza avrebbe permesso la gestione di un fondo di investimento collettivo, ma probabilmente l’aumento delle pressioni normative hanno indotto la società a rivalutare la sua struttura globale.

Recentemente, Binance ha concordato una multa di 4,3 miliardi di dollari per risolvere un’indagine pluriennale dell’autorità giudiziaria americana. Mentre il fondatore e amministratore delegato Changpeng Zhao si è dimesso da CEO il mese scorso dichiarandosi colpevole della violazione delle leggi statunitensi per il riciclaggio. Tuttavia, il portavoce di Binance ha precisato che “la decisione di ritirare la domanda di licenza ad Abu Dhabi non è correlata all’accordo negli Stati Uniti”.

 

Binance: cosa rappresentano gli Emirati Arabi

Per Binance, gli Emirati Arabi Uniti stavano diventando un hub importante riguardo gli asset digitali, tant’è che lo scorso anno la società stava reclutando più di 100 nuove posizioni a Dubai. Lo stesso Zhang era diventato anche cittadino degli Emirati e detiene due proprietà immobiliari a Dubai.

La ricca città mediorientale era ormai il quartier generale di Binance nella regione e in Nord Africa, ha sostenuto questa settimana il nuovo amministratore delegato Richard Teng. “A tempo debito la società annuncerà l’ubicazione del suo quartier generale globale”, ha detto senza specificare la data in cui tutto ciò avverrà.

 

Altri ritiri di licenza nel 2023

Il ritiro della licenza da Abu Dhabi non è l’unica decisa da Binance quest’anno. L’exchange ha fatto un passo indietro nella richiesta in Germania e a Cipro. In quest’ultimo caso per “concentrarsi su meno entità regolamentate nell’UE”, in vista delle nuove normative sulle criptovalute. Mentre è in procinto di abbondonare anche i Paesi Bassi.

Dal Belgio è arrivata l’inibizione a operare, sebbene ad agosto la società ha istituito un’entità polacca per i clienti belga. Lo stesso riguardo la decisione dell’Australia di annullare la licenza per i servizi finanziari. Nel contempo, l’autorità di regolamentazione delle Filippine ha avviato un processo di blocco delle attività di Binance. Non finisce qui. L’exchange crittografico ha chiuso i ponti anche con nuovi utenti della Gran Bretagna e ha affermato l’intenzione di vendere la sua attività in Russia.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *