Bitcoin: le prospettive tra ETF spot e halving - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Bitcoin: le prospettive tra ETF spot e halving

Una scatola piena di Bitcoin color argento e oro

TerraUSD e Sam Bankman-Fried fanno ormai parte del passato per il Bitcoin. La criptovaluta ha toccato ieri una quotazione di 37.973 dollari, guadagnando quasi il 7% rispetto alla vigilia ma, soprattutto, tornando sopra i livelli precedenti il crollo della stablecoin TerraUSD. L’inverno delle cryptocoin sembra essere davvero finito e la primavera potrebbe essere fatta di ETF spot e di halving. Sono questi i due eventi principali che nei prossimi mesi potrebbero determinare una prosecuzione del trend rialzista. La criptovaluta ha già camminato tanto visto che un anno fa si trovava in area 16.000 dollari, ma un rialzo del 134% per il Bitcoin è quasi normale amministrazione.

 

ETF Bitcoin spot: ecco chi potrebbe avere il via libera

Il via libera della SEC agli ETF su Bitcoin spot, ossia che replicano direttamente l’andamento della criptovaluta e non del suo future quotato su mercati regolamentati, è ormai scontato dagli analisti. Rimane da capire quando arriverà. Secondo due esperti del settore delle valute crittografiche potrebbe arrivare molto presto. Entro il 17 novembre. James Seyffart ed Eric Balchunas, due analisti di Bloomberg guardano alla finestra di 8 giorni che si è aperta il 9 novembre. In questo lasso di tempo la SEC potrebbe dare il via libera alle 12 richieste di approvazione di ETF Bitcoin che sono state avanzate nei mesi passati:

 

  • Grayscale Bitcoin Trust (conversione)
  • ARK 21Shares Bitcoin ETF
  • iShares Bitcoint Trust
  • Bitwise Bitcoin ETP Trust
  • VanEck Bitcoin Trust
  • WisdomTree Bitcoin Trust
  • Invesco Galaxy Bitcoin ETF
  • Wise Origin Bitcoin Trust
  • Valkyrie Bitcoin Trust
  • Global X Bitcoin Trust
  • Hashdex Bitcoin ETF
  • Franklin Bitcoin ETF

 

Il ragionamento di Seyffart e Balchunas poggia sull’ipotesi che la SEC preferirebbe effettuare un’approvazione congiunta di tutti i prodotti. Per farlo, tuttavia, dovrà rispettare le scadenze che lei stessa ha imposto per la presentazione di commenti e documentazione. In nove su dodici casi la data di scadenza è già passata e non si riaprirà prima di gennaio. In tre casi (Global X, Hashdex e Franklin) si riaprirà il 17 novembre per richiudersi. Dunque, fino al 17 novembre c’è la possibilità di approvare tutte le richieste pendenti. In ogni caso Seyffart ritiene che al 90% le approvazioni scatteranno entro il 10 gennaio 2024 e in nove casi su dodici potrebbero arrivare anche prima.

 

Halving, ecco quando arriverà

La struttura del Bitcoin è stata studiata per rendere più complesso il processo di estrazione con il trascorrere del tempo. In particolare, ogni 2.016 blocchi (il Bitcoin è la manifestazione più visibile della blockchain sottostante) la difficoltà aumenta con l’obiettivo di mantenere costante intorno ai dieci minuti il tempo per minare un singolo blocco. Inoltre, ogni 210.000 blocchi è previsto un halving. In altre parole, aumenta la complessità e diminuiscono le ricompense. È per questa ragione che il Bitcoin viene spesso associato all’oro.

A partire da queste informazioni Borsa&Finanza ha stimato quando potrebbe avvenire il prossimo halving. Si può effettuare solo una stima e non un calcolo preciso, in quanto il tempo necessario per estrare un singolo blocco è variabile, anche se rimane di solito intorno ai 10 minuti.

L’ultimo halving risale all’11 maggio 2020 quando è stato minato il blocco numero 630.000, 1.400 giorni dopo il precedente dimezzamento. Il prossimo halving avverrà quando saranno raggiunti 840.000 blocchi (630.000 + 210.000). Al 10 novembre, secondo le rilevazioni di Bitinfocharts.com, sono stati minati 816.128 blocchi. Pertanto ne mancano 23.872 all’halving. Il tempo medio per estrarre un blocco è di 9 minuti e 25 secondi (ricordiamo che è variabile). Moltiplicando il tempo di estrazione di un blocco per il numero di blocchi mancanti si ottiene un risultato di circa 156 giorni. Ciò significa, calendario alla mano, che il prossimo halving potrebbe arrivare intorno al 14 aprile. Borsa&Finanza aveva già effettuato questo calcolo ad aprile 2023 e, considerata la costanza nel tempo di estrazione dei blocchi, la data è rimasta praticamente invariata.

 

L’analisi tecnica e le strategie operative su Bitcoin

Da inizio anno il Bitcoin ha incrementato il suo valore dell’120% circa. Lo scorso 24 ottobre ha rotto al rialzo la resistenza di quota 31.400 dollari. Sullo slancio ha poi raggiunto e superato la parte alta di un ampio canale rialzista risalente da agosto 2022. La criptovaluta potrebbe ora arretrare in pull-back fino in area 36.000/35.500 ma in questo momento l’inerzia di mercato, posta la grande attesa che c’è sull’approvazione degli ETF spot, il sostegno di mercato è forte.

Solo una delusione sul fronte SEC potrebbe rispedire il Bitcoin verso l’ex resistenza di quota 31.400 dollari, prima di riprendere la scalata verso l’halving. Sul fronte rialzista i target per la criptovaluta si proiettano fino a 43.000 dollari in prima battuta e 48.000 successivamente.

Il grafico a candele mostra l'andamento delle quotazioni del Bitcoin che hanno messo a segno un rialzo del 120% da inizio anno.
L’andamento del Bitcoin – Fonte: Bloomberg

Bitcoin: le strategie operative con i Certificati Turbo24 di IG

Per quanto riguarda l’operatività, chi volesse optare per una strategia long potrebbe aprire una posizione in corrispondenza del livello dei 35.900 punti con target a 42.500 e stop loss a 33.800. Per questo tipo di operatività può essere utilizzato un Certificato Turbo24 di IG con facoltà long sul Bitcoin che abbia il livello di Knock-Out (KO) inferiore alla zona scelta per lo stop loss indicato.

Nel dettaglio, il Certificato Turbo24 Long con ISIN DE000A23F594 propone un livello di KO a 12887,62 e leva 2. Per trovare la corretta size di ingresso a mercato, ricordiamo di controllare il moltiplicatore, sotto la voce info. L’ammontare massimo che si potrà perdere non supererà in ogni caso l’investimento iniziale: perché ciò accada le quotazioni di Bitcoin dovranno raggiungere il livello di KO del Certificato.

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *