Borsa di Zurigo: l’indice SMI potrebbe avere 10 titoli in più - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Borsa di Zurigo: l’indice SMI potrebbe avere 10 titoli in più

L'edificio dove ha sede la Borsa di Zurigo

Rimanere al passo con gli altri indici europei e aumentare la diversificazione portando all’interno dell’indice principale della Borsa di Zurigo più settori dell’economia svizzera. Sono gli obiettivi che il gruppo SIX si è posto quando ha lanciato la consultazione per portare l’indice SMI da 20 a 30 titoli. La consultazione si è chiusa ieri. I risultati verranno resi noti il prossimo gennaio insieme con, eventualmente, le modalità e le date per la realizzazione dell’operazione.

Per Enrico Lanati, editore di questa testata e cambista professionista di CambiaValute.ch – società specializzata nel cambio online tra dollari, euro e franco –  una decisione favorevole all’aumento del numero di azioni incluse nell’indice guida della Borsa di Zurigo sarebbe positivo: “Ne aumenterebbe la diversificazione, quindi per chi vi investe sicuramente si avrebbe un miglioramento. Inoltre, con l’aumento dei volumi di scambio che ne deriverebbe, l’indice diventerebbe più attrattivo anche a livello internazionale”.

 

Gli obiettivi di SIX group

SIX Group gestisce la Borsa di Zurigo e l’indice SMI, del quale vuole migliorare alcuni aspetti mediante un aumento del numero di società rappresentate. Si tratterebbe, in realtà, di un ritorno al passato. Infatti lo SMI ha già avuto in passato più di 20 titoli (la grandezza attuale), arrivando a contenere un numero variabile di azioni, tra 18 e 29. Il ritorno all’antico è in particolare legato a tre obiettivi che SIX Group vorrebbe raggiungere:

 

  1. avere una rappresentazione più completa del mercato azionario svizzero;
  2. includere settori dell’economia svizzera che oggi sono esclusi dal listino principale;
  3. ottenere uno status più elevato e una maggiore visibilità presso gli investitori internazionali.

 

Attualmente tre società – Nestlé, Novartis e Roche – hanno un peso superiore al 50% nell’indice SMI di Zurigo. Uno sbilanciamento che si vorrebbe correggere. Già in passato, precisamente nel 2017, sono state adottate misure per limitare la presenza dei tre giganti imponendo un limite del 20% sul peso complessivo.

I tre big sono anche la causa dello sbilanciamento settoriale dello SMI verso l’alimentare e il farmaceutico. Come visto poco sopra non cambierebbe molto ma altri settori dell’economia Svizzera ora non rappresentati nell’indice potrebbero guadagnare visibilità. Per esempio i trasporti e la logistica. Con l’aggiunta di 10 ulteriori società lo SMI potrebbe arrivare a rappresentare il 90% della capitalizzazione del mercato azionario della Confederazione. Oggi si ferma all’80%.

Rispetto agli indici guida delle nazioni che circondano la Svizzera lo SMI è più piccolo. Il Dax contiene 40 azioni (erano 30 fino a due anni fa), il FTSE Mib e il Cac40 lo stesso. Anche altri indici dell’eurozona hanno un numero di titoli superiore a 30, come l’Ibex35. Guadagnare 10 azioni potrebbe rendere più attraente lo SMI sui mercati internazionali. D’altronde la limitazione a venti titoli è stata introdotta solo nel 2017 mentre quando l’indice è stato avviato, nel 1988, contava tra i 18 e i 29 titoli.

 

I dubbi sull’ingrandimento dello SMI

Chi critica l’idea di SIX fa notare che le società che entrerebbero nello SMI a 30 titoli non modificherebbero il quadro generale. Verrebbero infatti “ripescate” società di dimensioni contenute. Inoltre si andrebbe a cannibalizzare altri indici della Borsa di Zurigo che sono seguiti da molti investitori, come lo Swiss Leader Index (SLI) composto da 30 titoli con maggiore capitalizzazione e liquidità.

Si ridurrebbe poi la capitalizzazione e l’importanza dell’indice SMI Mid. Infatti, la “promozione” di dieci titoli al listino principale provocherebbe il “ripescaggio” di dieci azioni che al momento si collocano oltre la cinquantesima posizione in termini di capitalizzazione.

 

Borsa di Zurigo: chi potrebbe essere promosso nello “SMI 30”

Quali sono i titoli che potrebbero essere ripescati e aggiunti allo SMI 30 se l’operazione ideata da SIX andasse in porto? E che capitalizzazione complessiva aggiungerebbero? L’indice SMI raccoglie le 20 azioni più grandi dello SPI, lo Swiss Performance Index, composto da tutte le azioni quotate. Osservando la capitalizzazione delle azioni del mercato svizzero, se si seguisse questo criterio le azioni che potrebbero entrare a far parte dello SMI se la proposta di riforma verrà adottata potrebbero essere:

 

  1. Lindt & Spruengli
  2. Schindler Holding
  3. Straumann Holding
  4. EMS Chemie Holding
  5. SGS
  6. Swatch Group
  7. Julius Baer
  8. VAI Group
  9. BKW
  10. Barry Callebaut

AUTORE

Alessandro Piu

Alessandro Piu

Giornalista, scrive di economia, finanza e risparmio dal 2004. Laureato in economia, ha lavorato dapprima per il sito Spystocks.com, poi per i portali del gruppo Brown Editore (finanza.com; finanzaonline.com; borse.it e wallstreetitalia.com). È stato caporedattore del mensile Wall Street Italia. Da giugno 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *