Brembo: Bombassei lascia, in Borsa per azioni segnali long

Brembo: Bombassei lascia, in Borsa per azioni segnali long

Brembo: Bombassei lascia, in Borsa per azioni segnali long

Per gli analisti il passaggio di consegne da Bombassei a Tiraboschi non avrà alcun impatto sulle azioni Brembo e sulla strategia del gruppo. Per Equita le acquisizioni completeranno a gamma prodotti

 

Brembo senza Bombassei non preoccupa gli analisti. Due settimane fa l’azienda, leader nella tecnologia degli impianti frenanti per veicoli, ha annunciato che Alberto Bombassei lascerà la carica di presidente, diventando presidente emerito. Il successore sarà Matteo Tiraboschi, attuale vicepresidente esecutivo. Daniele Schillaci è stato, invece, confermato come amministratore delegato. Fissata per il 17 dicembre l’assemblea generale degli azionisti per approvare il nuovo assetto societario con effetto immediato. Tiraboschi ha ricordato i principali obiettivi aziendali per il 2021 (aumento del fatturato del 20-25% su base annua, spese in ricerca e sviluppo viste crescere dagli attuali 180 a 200 milioni di euro all’anno) e l’interesse per ulteriori attività di m&a in futuro.

Tutti gli analisti hanno sottolineato come il cambio al vertice, già previsto da tempo, non cambi la strategia di Brembo. Gli esperti di Equita, in particolare, hanno messo in evidenza l’intenzione reiterata della società di continuare a crescere tramite acquisizioni. Secondo la sim lo scenario più probabile “riguarderà operazioni di piccole dimensioni finalizzate al completamento della gamma prodotti come le due realizzate negli ultimi 12 mesi: quella da 30 milioni di euro per la danese Sbs Friction, attiva nelle pastiglie freno in materiali sinterizzati e organici per motociclette e con un fatturato da 18 milioni; quella da 73 milioni per la spagnola J.Juan, operante nei sistemi frenanti per motociclette e specializzata in tubi freno rivestiti in acciaio trecciato, con ricavi da 60 milioni”. Equita ha confermato il rating hold sul titolo Brembo con un prezzo obiettivo a 12,6 euro.

Per Bestinver Securities il passaggio di consegne non ha alcun effetto in quanto il management ha confermato gli aspetti principali dell’outlook per il 2021.”Ci aspettiamo una crescita inorganica aggiuntiva per le attività legate alla tecnologia”, hanno affermato gli analisti, mantenendo il rating hold sul titolo Brembo con un prezzo obiettivo nel range tra 12 e 13 euro. Stessa valutazione per Mediobanca Securities con un prezzo obiettivo a 11,80 euro. “Consideriamo il cambiamento nella struttura societaria del gruppo come parte del passaggio generazionale che Brembo ha avviato più di 10 anni fa e che è stato caratterizzato da una forte continuità”, hanno dichiarato anche gli esperti di Intesa Sanpaolo che hanno un rating add sulle azioni della società con un prezzo obiettivo a 13,1 euro. Dello stesso avviso Banca Akros, che ha sottolineato l’esperienza ventennale di Tiraboschi in Brembo e confermato il rating neutral sul titolo, con un prezzo obiettivo a 12 euro.

 

Azioni Brembo: configurazione rialzista in corso, prezzi possono salire ancora

Il titolo Brembo sembra essere impostato al rialzo nel breve termine, anche grazie alla performance positiva registrata nella seduta di ieri. Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno dapprima realizzato un doppio minimo sul supporto in area 11,69, per poi intraprendere un andamento fortemente rialzista che le ha portate a realizzare un massimo sul livello 11,89, chiudendo la sessione non lontano a quota 11,81.

Anche ampliando l’orizzonte temporale Brembo sta certamente vivendo un buon momento in Borsa, in decisa controtendenza rispetto agli indici di riferimento. Dopo il minimo relativo sul livello 11,19 dello scorso 26 novembre, infatti, i corsi sono prontamente rimbalzati realizzando una configurazione a V rialzista che può estendersi anche alle prossime sedute, grazie al breakout dei principali indicatori tecnici.

L’impostazione grafica, quindi, vede i prezzi stazionare al di sopra sia dell’indicatore Supertrend che della media mobile a 25, mentre l’indicatore Parabolic Sar è diventato ribassista da poco. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 56. Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile solo al superamento del livello 11,89 con target nell’intorno dei 12,08 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 11,69 con obiettivo molto vicino al livello 11,50.

 


L’andamento di breve termine del titolo Brembo

Post correlati

Vodafone: balza l’utile netto, azioni pronte a volare?

Azioni value: ecco come hanno preso il sopravvento sui titoli growth

DiaSorin: analisti apprezzano accordo con Brahms, cosa fare con azioni?

Coinbase: Cathie Wood non perde la fiducia e accumula azioni

McDonald’s lascia la Russia: a Wall Street cosa fare con titolo?