Cina: ecco le azioni dello sport su cui puntare con Olimpiadi invernali

Cina: ecco le azioni dello sport su cui puntare con Olimpiadi invernali

Cina: ecco le azioni dello sport su cui puntare con Olimpiadi invernali

In Cina le Olimpiadi di Pechino hanno aperto le danze in una cornice di pubblico limitata per via delle precauzioni sul Covid-19. La Cina ha puntato molto su questi giochi invernali per ciò che rappresentano per il Paese non solo per il prestigio e l’immagine, ma anche e soprattutto per l’enorme giro di denaro che movimentano. Il Governo ha fatto di tutto perché l’inizio potesse essere senza conseguenze drammatiche, con precisa allusione alla politica Covid zero, che ha sacrificato nel frattempo molte aziende a sforzi non indifferenti, con chiusure e limitazioni di ogni genere.

La manifestazione sportiva ha avuto un grande significato anche per l’introduzione dello Yuan digitale, già sperimentato in 10 città cinesi, tra le quali Shenzen e Shangai. Tra le grandi potenze mondiali, il Dragone è il primo Paese a mettere in atto una Central Bank Digital Currency e il divieto totale dell’uso delle criptovalute va inserito in tale contesto. Sheena Greitens, docente all’Università di Austin, nel Texas, e analista ricercatrice sull’Asia orientale, ha dichiarato che le Olimpiadi possono rafforzare l’immagine della Cina perché hanno la capacità di attirare l’attenzione degli spettatori, sganciata dalla politica nazionale ed estera, dove il comportamento del Paese è stato molto critico.

 

Cina: perché investire sulle azioni sportive

L’evento che terminerà il 20 di febbraio è stato anche un’occasione per rilanciare le azioni dei produttori cinesi di articoli sportivi, nella prospettiva che la domanda in questi giorni cresca a dismisura. Prima della cerimonia d’apertura dei giochi, le azioni di Anta Sports Products, fornitore di divise per gli atleti nelle Olimpiadi, hanno cominciato a salire nella Borsa di Hong Kong chiudendo la seduta con un +6,35%. Li Ning Co., società sportiva fondata da una pluridecorata ginnasta olimpica, è saltata del 7,63%. La multinazionale di abbigliamento sportivo cinese Xtep International Holdings Ltd è aumentata del 4,02%, mentre il rivenditore di articoli sportivi Topsports International Holdings Ltd. è salito dell’1,43%. 

Catherine Lim, analista di Bloomberg Intelligence, ha affermato che gli investitori dovrebbero osservare con molta attenzione i marchi cinesi di articoli sportivi nel periodo dei giochi invernali perché l’aumento di visibilità è di buon auspicio per il sentiment nel settore. Tra le aziende l’esperta cita in maniera particolare Anta Sports come possibile obiettivo di acquisto.

Le azioni cinesi dello sport avevano vissuto un momento di grazia durante la scorsa estate per via dei provvedimenti governativi sui marchi stranieri che evitano il cotone dello Xinjiang per la questione che ha a che fare con i diritti umani. Successivamente però alcuni fattori hanno contribuito alla decrescita delle quotazioni. In primo luogo il riacutizzarsi del Coronavirus ha imposto misure stringenti sulle aziende da parte delle Autorità, in secondo luogo vi è stato l’aumento dei prezzi del cotone che ha rallentato la domanda e infine il declino dell’economia cinese ha avuto un impatto negativo generale. I Giochi Olimpici adesso possono rappresentare il migliore dei catalizzatori e in queste prime battute se ne vede un’ampia dimostrazione con la risalita convinta delle quotazioni azionarie.

 

Post correlati

Tiger Global: ecco quanto ha perso con il crollo delle azioni tech

Enel: 100 milioni di impatto da extraprofitti, cosa fare con le azioni?

Liquidità: nei fondi mai così alta da attacco a Torri Gemelle

Bitcoin: 3 grossi problemi nell’inserimento nei piani 401 (k)

Vodafone: balza l’utile netto, azioni pronte a volare?

Lascia un commento