ENI tratta l'acquisto di Novamont, quali effetti in Borsa per le azioni? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

ENI tratta l’acquisto di Novamont, quali effetti in Borsa per le azioni?

ENI tratta l'acquisto di Novamont, quali effetti in Borsa per le azioni?

Versalis, azienda chimica piemontese leader delle bioplastiche facente parte del gruppo Eni, possiede già attualmente una quota del 36% di Novamont. Il restante 64% è in mano a Mater-Bi, società controllata da Investitori Associati II e NB Renaissance. Attraverso una nota le due aziende hanno comunicato di essere nella fase finale delle trattative in esclusiva per l’acquisto da parte Versalis dell’intero pacchetto azionario Novamont.

Cosa fanno Novamont e Versalis. Novamont è una delle aziende leader internazionali nel campo della chimica da fonti rinnovabili, in particolare nell’ambito delle bioplastiche biodegradabili e compostabili. Versalis, invece, è la prima azienda chimica italiana e leader a livello internazionale, la cui strategia è fortemente mirata verso la specializzazione del portafoglio anche attraverso la chimica da fonti rinnovabili. Tramite questa operazione, Eni mira dunque a consolidare la propria presenza nella chimica verde.

 

Azioni ENI: quotazioni respinte da resistenza a 14 euro, target ribassista a 13,226

Il titolo Eni sembra essere impostato al ribasso nel breve termine, nonostante la performance positiva registrata nella seduta di venerdì (+1,13%). Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento piuttosto rialzista che le ha portate a realizzare un massimo sul livello 13,768, andando a chiudere sul finale non distante a quota 13,738.

Dopo la violenta discesa che ha caratterizzato l’azione durante i mesi di febbraio e marzo, il successivo recupero non ha permesso di completare l’auspicata configurazione a V di stampo rialzista, ma si è fermato in prossimità della resistenza posta sul livello 14 euro. Situazione che è coerente con un rimbalzo del 61,8% (ritracciamento di Fibonacci) rispetto al già descritto movimento ribassista dei mesi scorsi. A questo punto, quindi, il titolo sembra avere il fiato corto per proseguire la propria corsa e, di conseguenza, necessita di uno storno anche più pronunciato di quello visto in queste ultime giornate. Debolezza che potrebbe estendersi fino a quota 13,226 dove passa l’importante indicatore Supertrend, facente funzione di supporto.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al raggiungimento del livello 13,226 (in ottica di rimbalzo), mentre per i trader più aggressivi le posizioni ribassiste potranno essere aperte già alla violazione di quota 13,556 con obiettivo molto vicino al solito livello 13,226. L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sopra della media mobile a 25 mentre l’indicatore Parabolic Sar è diventato ribassista proprio da venerdì. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 58.


L’andamento di breve termine del titolo ENI

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *