ETF: alla Borsa di Londra arriva un nuovo fondo che punta sulle auto elettriche - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

ETF: alla Borsa di Londra arriva un nuovo fondo che punta sulle auto elettriche

ETF: alla Borsa di Londra arriva un nuovo fondo specializzato sulle auto elettriche

Un nuovo ETF concentrato sulle auto elettriche ha preso piede alla Borsa di Londra grazie a Krane Funds Advisor. Il gestore patrimoniale americano ha lanciato il KraneShares Electric Vehicles & Future Mobility ESG Screened Ucits, che replica l’indice Bloomberg Electric Vehicles ESG-Screened. L’investimento ha lo scopo di cavalcare il trend dei veicoli non a combustione che dura ormai da più di 10 anni e che rappresenta il futuro dei trasporti e della mobilità.

Il prodotto è classificato come articolo 8 del Sustainable Financial Disclosure Regulation (SFDR) dell’Unione Europea. Cosa significa? L’SFDR è un insieme di regole stabilite a livello comunitario ed entrate in vigore il 10 marzo 2021, dove si traccia un profilo di sostenibilità dei fondi che sia comprensibile per gli investitori. A tal proposito l’SFDR distingue tra 3 categorie di fondi. La prima riguarda i fondi dark green articolo 9, ossia che si autocertificano di alto profilo sostenibile e che devono mostrare ai loro clienti quanto i loro investimenti siano concentrati su società a bassa o nulla emissione di carbonio.

La seconda concerne i light green articolo 8, di cui fa parte l’ETF KraneShares, e comprende veicoli a cui è richiesto di indicare in che modo tengono in considerazione le caratteristiche ambientali, sociali e di governance (ESG), ma il cui obiettivo principale non è quello di effettuare un investimento sostenibile. L’ultima categoria fa riferimento ai fondi grey articolo 6, che non prestano attenzione a caratteristiche di sostenibilità nel loro investimento e che nel prospetto informativo devono indicare il motivo per cui non lo fanno.

L’ETF KraneShares investe in società quotate che fanno parte della produzione di: auto elettriche, auto a guida autonoma, batterie agli ioni di litio, celle a idrogeno, materie prime come rame e litio e infrastrutture per le auto elettriche come le colonnine di ricarica.

 

Auto elettriche: KraneShares punta su un mercato in crescita

KraneShares quindi punta decisamente sul mercato delle auto elettriche che, secondo Jonathan Krane, Amministratore Delegato dell’azienda, è inserito ormai in un megatrend secolare, per cui l’ETF ha una esposizione pura. La società ha previsto che il mercato globale dei veicoli elettrici raggiungerà i 2.700 miliardi di dollari di investimenti entro il 2040, mentre la guida autonoma dovrebbe arrivare a 8.000 miliardi di ricavi entro il 2050. Questo presumibilmente trarrà vantaggio dalle politiche zero emissioni che i Paesi di tutto il mondo si sono impegnati di mettere in pratica per affrontare il delicato problema del cambiamento climatico e del riscaldamento globale, in armonia con gli Accordi di Parigi del 2015. Tra gli altri gestori patrimoniale che hanno proposto ETF in Europa incentrati sulle auto elettriche bisogna ricordare l’iShares di BlackRock, DWS e GlobalX.

AUTORE

Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *