Exor: l’azione non brilla in Borsa, cosa fare a Piazza Affari?

Exor: l’azione non brilla in Borsa, cosa fare a Piazza Affari?

Exor: l’azione non brilla in Borsa, cosa fare a Piazza Affari?

Exor ha lanciato un’iniziativa dedicata all’Italia per investire in società appena costituite (in fase seed) con l’obiettivo di aiutare gli imprenditori più capaci del Paese a costruire la nuova generazione di grandi imprese. Exor Seeds (il braccio di Exor dedicato al venture capital) “investirà in startup in fase seed e pre-seed offrendo un finanziamento in conto capitale di 150 mila euro, un processo decisionale efficiente, termini contrattuali vantaggiosi per l’imprenditore, e nessuna richiesta di rappresentanza nei cda delle società neocostituite”.

La nuova iniziativa si inserisce nella tradizione imprenditoriale di Exor a sostegno dell’innovazione. Il programma mira a liberare il grande potenziale dell’ecosistema italiano della tecnologia, che è in rapida crescita, aiutando il Paese a svolgere un ruolo proporzionale alla sua dimensione economica, anche grazie all’ampio bacino di talenti di cui dispone.

Per la holding della famiglia Agnelli-Elkann “l’Italia si trova a un punto di svolta: emergono casi di successo, che a loro volta alimentano altri progetti, rafforzando lo sviluppo del network dei founders. Molti professionisti italiani che hanno maturato esperienze nella Silicon Valley sono ritornati nel Paese per lanciare nuove startup e sostenere altri giovani imprenditori. Programmi universitari stanno inoltre attraendo ulteriori talenti dall’estero. Diversi incubatori sono stati avviati di recente per sostenere imprenditori di società in fase pre-seed, tra cui Vento, il programma di venture origination di Exor”.

Secondo Diego Piacentini, presidente di Exor Seeds “la velocità nel mondo degli affari è determinante quando si tratta di finanziare nuove iniziative imprenditoriali in fase iniziale. Oltre a essere veloci bisogna anche accettare il rischio di fallire, perché il prossimo unicorno italiano nascerà proprio da un mix di coraggio e di energia. Qualcosa che al sistema imprenditoriale italiano è mancato, e che Exor Seeds intende ora cambiare”.

Gli ha fatto eco Noam Ohana, managing director di Exor Seeds: “l’ecosistema italiano delle startup si trova nella stessa posizione in cui erano i più importanti Paesi europei 5-7 anni fa. Oggi siamo a un punto di svolta: stanno cambiando le attitudini e le ambizioni. La qualità degli imprenditori che stiamo sostenendo è davvero notevole. Invitiamo ogni imprenditore italiano che sta costruendo il suo sogno a mettersi in contatto con noi”.

 

 

Exor: quotazioni in fase di ritracciamento, Parabolic Sar violato

Il titolo Exor sembra essere impostato al ribasso nel breve termine, anche grazie alla performance negativa registrata nella seduta di ieri (-2,48%). Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno dapprima intrapreso un andamento fortemente rialzista che le ha portate a realizzare un massimo sul livello 70,82, per poi invertire drasticamente la rotta fino a raggiungere un minimo a quota 68,34, andando a chiudere non lontano a 68,46.

Dopo il recente massimo toccato lo scorso 29 marzo sul livello 72,76, l’azione ha decisamente perso smalto iniziando una costante fase di ritracciamento che ha visto violare al ribasso proprio ieri l’indicatore Parabolic Sar. Tale fase discendente potrebbe proseguire anche nelle prossime giornate fino al raggiungimento del supporto presente in area 65,88, dove sono presenti sia la media mobile a 25 periodi che l’indicatore Supertrend. A quel punto, trovando un ostacolo così importante, la discesa dovrebbe arrestarsi e il titolo rimbalzare, riprendendo a salire coerentemente con l’impostazione rialzista di medio termine che sta caratterizzando i corsi dall’inizio di marzo.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile solo al superamento del livello 70,82 con target nell’intorno dei 72,76 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 68,34 con obiettivo molto vicino al livello 65,88.

 


L’andamento di breve termine del titolo EXOR

Post correlati

Enel: 100 milioni di impatto da extraprofitti, cosa fare con le azioni?

Vodafone: balza l’utile netto, azioni pronte a volare?

Azioni value: ecco come hanno preso il sopravvento sui titoli growth

DiaSorin: analisti apprezzano accordo con Brahms, cosa fare con azioni?

Coinbase: Cathie Wood non perde la fiducia e accumula azioni

Lascia un commento