Cosa sono i Fan Token e a cosa servono - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Cosa sono i Fan Token e a cosa servono

Ormai sempre più squadre di calcio, di club e nazionali, hanno i loro Fan Token. L’app principale di gettoni virtuali è Socios.com, azienda leader nell’industria del fan engagement. Se Binance si limita alle partnership con Lazio, Santos e Porto, Socios ha in piedi collaborazioni con oltre 130 tra le più importanti organizzazioni sportive internazionali, da squadre italiane come Juventus, Milan, Inter, Napoli e Roma a colossi europei quali Paris Saint-Germain, Manchester City, Arsenal, Barcellona e Atlético Madrid, senza dimenticare i giganti statunitensi di NBA, NFL e NHL.

Piattaforme direct-to-consumer come Socios e Binance associano il mondo delle criptovalute a quello dello sport professionistico mettendo a disposizione dei supporter l’acquisto dei Fan Token, ovvero di veri e propri asset digitali unici registrati in modo sicuro ed esclusivo su una blockchain, ad esempio Ethereum nel caso di Socios alimentato da Chiliz. Ma a cosa servono di preciso questi gettoni e perché aumenta a vista d’occhio la lista di top club (e persino delle Federazioni, come la FIGC italiana) che spingono i propri fan a investire per diventare tifosi “esclusivi”?

 

Fan Token: cosa sono i gettoni digitali di fan engagement

I Fan Token sono asset che le società sportive vendono ai propri tifosi sparsi in tutto il mondo. In cambio dell’investimento in queste “azioni virtuali”, i fan hanno accesso ad alcuni servizi speciali (biglietti gratuiti, visite negli spogliatoi e allo stadio, Meet & Greet, sconti sul merchandising), ottengono promozioni, funzionalità in realtà aumentata e premi VIP (dalle maglie indossate dai calciatori e i palloni usati durante le partite a NFT di immagini e filmati esclusivi), partecipano a giochi e competizioni.

I “supertifosi” acquisiscono potere decisionale all’interno del club come in un azionariato popolare. Con i Fan Token possono decidere la maglietta della prossima stagione, il design dell’autobus su cui viaggiano i calciatori per le trasferte, il nome del campo di allenamento, la playlist musicale da ascoltare allo stadio prima della gara o al momento del gol, addirittura la formazione da schierare in amichevole o la tuta e il cappello che deve mettere in campo l’allenatore. Nel caso dei sondaggi, più Fan Token si possiedono e più avrà peso la propria decisione: il voto di chi ha 1 token vale 1, quello di chi ne ha 10 conta 10.

I primi 11 club ad aver lanciato i Fan Token con Socios
Gli “history makers”: i primi 11 club ad aver lanciato i Fan Token con Socios

Nel caso dei Fan Token di Socios, la piattaforma chiude accordi con le singole squadre e rende disponibili i gettoni in diverse fasi di lancio. Come in una sorta di quotazione in Borsa, è la società che fa il suo ingresso nel mondo dei token a decidere quanti metterne a disposizione sul mercato e a che prezzo unitario. Inizialmente, con la FTO (la Fan Token Offering), il numero è limitato; poi cresce in modo sempre più ampio quando l’incrocio di domanda e offerta sul mercato aperto e il loro utilizzo ne determinano il valore.

I Fan Token non sono una crypto a tutti gli effetti: si basano sulla tecnologia blockchain ma non sono esattamente una valuta digitale. Per comprarli occorre registrarsi sulla piattaforma exchange di Chiliz, acquistare con carta di debito o di credito e convertire la valuta utilizzata (l’euro nel caso dei Paesi europei) nella criptovaluta della piattaforma ospitante. $CHZ è la valuta in-app di Socios e un utility token ERC20 scambiato negli exchange come Coinbase e Binance. Soltanto a questo punto è possibile scambiare i Fan Token sulla piattaforma exchange di Chiliz.

Socios ha anche creato per la sua app gli SSU (Socios United), i token fedeltà che consentono ai fan di votare nei sondaggi e partecipare a giochi e quiz. Chi scarica l’applicazione riceve 1 $SSU nel proprio wallet e può ottenerne altri gratuitamente facendo salire di livello il proprio profilo e giocando alla “caccia al token” in realtà aumentata.

Socios.com usa una tecnologia di geolocalizzazione per la “Token Hunt“: posiziona i token in diversi punti strategici in giro per il mondo e quando i tifosi li individuano, nell’app appaiono dei punti interrogativi da selezionare. Toccando lo schermo si possono ottenere SSU, Fan Token e CHZ. C’è quindi una differenza sostanziale tra i Fan Token in circolazione e la disponibilità di token fedeltà. Può capitare di avere tantissimi $SSU (ad esempio con 65.000 SSU si possono riscattare alcune ambite mystery box premium) ma pochi o nessun Fan Token.

Fan Token: valore e costo sul mercato

Come per le criptovalute e altri gettoni digitali, il valore dei Fan Token varia in base all’andamento dei mercati ed è soggetto a forti oscillazioni. Ogni giorno i Fan Token possono guadagnare o perdere valore. Tuttavia il valore dei token non è come quello delle azioni di un’azienda: non dipende necessariamente dai risultati della squadra sul campo, ma si sviluppa a seconda dei vantaggi esclusivi e del coinvolgimento diretto che il club offre ai suoi possessori. È il “programma fedeltà” garantito dalle società a influenzare la domanda e l’offerta, oltre all’andamento della criptovaluta di riferimento.

Chi vuole disfarsi di un token è libero di venderlo o scambiarlo con altri utenti sull’app di Socios o nella piattaforma blockchain che ha emesso i gettoni. Sono ovviamente i venditori a stabilire il prezzo che ritengono più opportuno e conveniente. I compratori si limitano a tenere d’occhio il mercato e ad acquistare le offerte che reputano più vantaggiose.

Facciamo un esempio con gli asset digitali delle squadre di calcio di Serie A. In questo momento il Fan Token che vale di più è quello della Juventus: 36,06 CHZ. Al cambio attuale, 1 euro vale 8,76 CHZ. A seguire ci sono i gettoni di Milan (29,03 CHZ), Inter (24,86 CHZ), Roma (23,47 CHZ) e Napoli (16,11 CHZ).

È singolare il caso del Novara: la gloriosa società piemontese, esclusa dal campionato di Serie C nella stagione 2021-2022 per irregolarità sul versamento per l’iscrizione e ripartita per la prima volta dalla sua fondazione nella lega Dilettanti, è stata tra le prime in Italia ad investire nel mercato delle criptovalute. Oggi un Fan Token del Novara vale 3.76 CHZ, una cifra molto distante dai 60.75 CHZ del Fan Token del PSG, arrivati ad un picco di 42,48 euro nell’agosto del 2021 dopo l’acquisto di Leo Messi.

Il lancio dei Fan Token del PSG
Il lancio dei Fan Token del PSG

Si stima che il valore di mercato dei Fan Token calcistici sia pari a 310 milioni di euro. Una cifra destinata ad aumentare considerando che Socios.com conta 1,5 milioni di utenti provenienti da 167 Paesi sparsi in tutto il mondo, ha appena chiuso un accordo con il Persib Bandung (la prima squadra indonesiana del roster) e sono in arrivo le FTO di Atlas de Guadalajara, Vasco da Gama, Santos, Palmeiras, River Plate, Fluminense, Siviglia, Udinese e Benfica. Alexandre Dreyfus, fondatore di Socios, ha già fissato gli obiettivi per il futuro in un’intervista concessa alla Gazzetta dello Sport.

 

Il nostro progetto è per la generazione prossima, più giovane, digitale, che consuma lo sport mentre vede una serie su Netflix o gioca a Fortnite. Dobbiamo portare la tecnologia al calcio e non solo alle partite. C’è il tifoso nato interista, che lo sarà sempre, e c’è quello che non lo è ma magari con la tecnologia può diventarlo. Guardiamo a lui, in un contesto globale.

 

AUTORE

Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *