Gran Bretagna: ecco il piano Truss sull'energia da 150 miliardi di sterline - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Gran Bretagna: ecco il piano Truss sull’energia da 150 miliardi di sterline

Gran Bretagna: annunciato il piano Truss sull'energia, ecco in cosa consiste

La Gran Bretagna ha annunciato il pacchetto di sostegno a famiglie e imprese per le bollette energetiche. Il Primo Ministro Liz Truss ha delineato un piano di sei mesi di copertura per le imprese e gli enti pubblici e di due anni per le famiglie, insieme agli obiettivi dichiarati di riavviare il fracking per il gas di scisto, che aveva sollevato parecchie polemiche tra gli ambientalisti, e di eseguire una riforma del mercato dell’energia. Il successore di Boris Johnson ha affermato che, trascorso il periodo di sei mesi, il supporto sarà indirizzato solo alle aziende vulnerabili, con una revisione che dirà quali imprese dovrebbero ricadere nella misura.

Le famiglie per i prossimi 24 mesi vedranno limitato l’aumento massimo delle bollette a 2.500 sterline annui, che sarà ancora più basso dal momento che sono stati confermati gli sconti stabiliti dal Cancelliere Rishi Sunak di 400 sterline e sono state eliminate temporaneamente le green taxes di 150 sterline dalla bolletta. In sostanza, la cifra massima sarà vicina a quella attuale di 1.971 sterline. I cittadini britannici possono quindi tirare un grosso sospiro di sollievo, dopo che l’Autorità di Regolamentazione per l’Energia della Gran Bretagna, Ofgem, aveva innalzato dell’80% l’aumento limite in bolletta a partire dal 1° ottobre, con le famiglie che si sarebbero trovate a pagare in media oltre 3.500 sterline, ma con proiezioni per l’anno prossimo a oltre 6.000 sterline.

 

Piano Truss: quanto costa?

Il piano Truss dovrebbe aggirarsi intorno ai 150 miliardi di sterline, secondo alcune stime interne, sebbene il Governo britannico abbia rifiutato di dire ufficialmente quale sarebbe stato il costo effettivo dell’intervento. Di questi 150 miliardi stimati, 90 miliardi dovrebbero essere destinati alle famiglie. L’importo complessivo potrebbe comunque lievitare, in funzione dell’andamento dei prezzi dell’energia.

I membri che sostengono il Governo hanno riferito che occorre tenere presente come la riduzione delle bollette energetiche contribuirà ad abbassare l’inflazione di 5 punti percentuali, tagliando in questo modo il costo del debito per lo Stato attraverso un risparmio di 25 miliardi di sterline per interessi. Di conseguenza, l’importo complessivo del piano Truss potrebbe anche essere inferiore ai 150 miliardi di sterline. Ad ogni modo, il Governo ha fatto sapere che i dettagli sui costi verranno esposti alla fine del mese dal Cancelliere Kwasi Kwarteng.

 

Gran Bretagna: evitate le tasse per le società energetiche

Qualunque cifra verrà fuori, comunque, sarà finanziata con debito e non verrà chiesto alle società energetiche di contribuire attraverso una tassazione extra. Tra l’altro, il pacchetto prevede anche una linea di liquidità da 40 miliardi di sterline per i fornitori di energia, in modo da fronteggiare le carenze di cassa dovute alla volatilità dei prezzi delle risorse energetiche in questo periodo. Molte aziende rischiano di andare in margin call, per questo il Governo ha deciso un supporto di garanzia per evitare di destabilizzare il mercato.

In cambio, il Governo vuole rinegoziare i contratti energetici a lungo termine a prezzi più ridotti, con lo scopo di abbassare il costo d’intervento per sostenere le famiglie e le imprese. Truss a tal fine spera che i nuovi contratti rompano il legame tra il prezzo dell’elettricità e quello all’ingrosso del gas, per cui le aziende energetiche stanno realizzando enormi profitti.

 

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *