House of Trading: in campo le principali Banche centrali - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

House of Trading: in campo le principali Banche centrali

Il cartello di presentazione della puntata numero 42 di House of Trading con i protagonisti: Nicola Para, Nicola Duranti, Luca Fiore e Riccardo Designori

Il mese di dicembre si è aperto con record in serie per le Borse europee. Il più importante, per chi guarda il mondo da Piazza Affari, è il ritorno dell’indice FTSE Mib sopra i 30.000 punti, soglia mancante dalla fine di giugno 2008, ossia da più di 15 anni. Oltre all’indice guida delle blue chip italiane ci sono poi da segnalare i record storici di Dax e Cac40 mentre gli indici USA si mantengono a portata dei massimi. È questo il viatico con cui gli ospiti di “House of Trading – Le carte del mercato” affrontano la quarantaduesima puntata del format di BNP Paribas che mette a confronto la squadra dei trader con quella degli analisti.

La trasmissione andrà in onda in diretta streaming alle 17:30 sul canale YouTube Investimenti BNP Paribas e vedrà la partecipazione di Riccardo Designori e Luca Fiore per gli analisti e di Nicola Para e Nicola Duranti per i trader. Se i nuovi record storici saranno il punto di partenza della discussione, il focus principale saranno sicuramente le riunioni delle principali Banche centrali. Tutte sono attese confermare i tassi di interesse ai livelli attuali. La Fed, la prima a scendere in campo domani alle 20:00, ha un tasso sui Fed funds nell’intervallo 5,25%-5,5%. La Swiss National Bank, la Bank of England e la Banca centrale europea, che seguiranno giovedì, mostrano saggi centrali rispettivamente all’1,75%, al 5,25% e al 4,5%.

Puntata del 5 dicembre: la festa del bund, a bersaglio cinque strategie

Nella puntata numero 41 di House of Trading, andata in onda il 5 dicembre scorso, solo Nicola Para è riuscito a mettere a segno un punto. Lo ha fatto con un long sul Bund che, aperto a 134,55 euro, ha terminato la corsa a 135,15 euro di target con una performance positiva del 5,01%. Non si è attivata invece la seconda strategie proposta da Para, un long sul Dax.

Il compagno di squadra di Para, Vincenzo Penna ha lasciato a mercato una sola strategia, un long su Nvidia avviato a 458 dollari con obiettivo a 479 e stop loss a 438. Alla rilevazione parziale delle 12:00 di oggi l’operazione registra un guadagno del 10,8%. Non si è attivata la seconda proposta di Penna, uno short sul petrolio WTI.

Il vero protagonista della settimana è stato Nicola Duranti che, pur non essendo tra gli ospiti della trasmissione di settimana scorsa, ha visto arrivare a bersaglio ben quattro strategie. In ordine cronologico di apertura:

 

  1. Long su Bund aperto il 10 ottobre 2023. Performance: +26,37%;
  2. Long su Bund aperto il 31 ottobre 2023. Performance: +19,07%;
  3. Long su Bund aperto il 14 novembre 2023. Performance: 17,34%;
  4. Long su Bund aperto il 21 novembre 2023. Performance: +14,58%.

 

Alla squadra degli analisti sono rimaste solo le briciole con due operazioni a vuoto di Giovanni Picone e una a mercato di Riccardo Designori. Quest’ultima è un long su Porsche aperto a 82,94 euro con obiettivo a 91,50 e stop loss a 81 che registra un parziale del -5,33%. Non si è attivato invece il long su Stellantis. L’unico punto realizzato dagli analisti è arrivato dal long su Fineco che Enrico Lanati aveva lasciato aperto dallo scorso 14 novembre e che ha realizzato una performance del 15,37%. Sulla base di questi risultati gli analisti incrementano il vantaggio sui trader e conducono per 60 a 44.

 

House of Trading: le regole del nuovo format

La principale novità del 2023 di House of Trading è quella relativa all’interazione con il pubblico: grazie alla chat presente nella diretta, gli spettatori potranno chiedere ai partecipanti della trasmissione il quadro tecnico e la view macroeconomica sulle diverse asset class.
Nel corso di ogni episodio i componenti dei due team mettono sul mercato 4 strategie operative long/short sui sottostanti preferiti tra indici di Borsa, materie prime, valute, azioni italiane o estere. Le 8 strategie, 4 per i trader e 4 per gli analisti, prevedono un livello di entrata, stop e target.

Le operazioni long e short proposte dai trader e dagli analisti iniziano a essere monitorate l’apertura dei mercati di mercoledì. Le strategie potranno attivarsi da quel momento e fino alle ore 12 del martedì successivo. A quel punto si osserverà le carte che non sono state eseguite e quelle verranno tolte dalla sfida. Se invece la strategia si sarà attivata, gli scenari saranno due: o target o stop. Se l’obiettivo dovesse venire centrato verrà assegnata una carta, in caso contrario no.

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *