Imposta di bollo: ecco tutto quello che c'è da sapere - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Imposta di bollo: ecco tutto quello che c’è da sapere

L'imposta di bollo: ecco tutto quello che c'è da sapere

Su molte attività finanziarie bisogna pagare l’imposta di bollo, ossia un’imposta patrimoniale che è molto poco accettata da parte degli operatori, in quanto considerata un’aggravio inutile sulle attività, che già sono assoggettate ad altre forme di imposizione. Scendiamo nei dettagli e vediamo quali sono i casi in cui bisogna pagare il bollo e a quanto ammonta la cifra da sborsare.

 

Imposta di bollo: cos’è e come funziona

L’imposta di bollo è una tipologia di imposta che ha luogo nel momento in cui si fa uso di un documento o di un atto. L’entità dipende dal tipo di documento o dell’atto che nell’occasione si sta utilizzando. Alcuni strumenti finanziari sono esenti dall’imposta di bollo e tra questi si possono annoverare:

 

  • titoli di Stato e altre obbligazioni;
  • azioni;
  • libretti di risparmio;
  • certificati di deposito a breve termine, nominativi o al portatore;
  • cambiali finanziarie emesse in forma dematerializzata;
  • ricevute bancarie riferite sui conti correnti;
  • polizze di credito commerciale.

 

Il pagamento dell’imposta può avvenire o mediante pagamento ad un intermediario convenzionato con l’Agenzia delle Entrate, oppure in modo virtuale direttamente all’Amministrazione Finanziaria. L’importo minimo da corrispondere è di 1 euro, eccezion fatta per le cambiali e i vaglia cambiari la cui cifra minima è di 0,50 euro.

A partire dal 2013, al 31 dicembre di ciascun anno d’imposta, per le attività finanziarie scudate ai sensi della legge n.102/2009, viene applicata un’imposta di bollo speciale del 4 per mille. Questo solo per le attività segretate, ovvero che sono detenute in riservatezza. Le attività invece che sono state regolarizzate senza usufruire del regime della segretazione sono esenti dall’imposta di bollo. L’imposta di bollo speciale si calcola sul valore di mercato delle attività finanziarie in parola rendicontato dagli intermediari o, in assenza, sul valore nominale o di rimborso determinati alla data del 31 dicembre o a quella in cui avviene l’incasso. Nel caso non sia possibile determinare un valore nominale o di rimborso si ricorre al valore d’acquisto.

 

Versamento dell’imposta

A versare l’imposta di bollo sono gli intermediari in quanto sostituti d’imposta. Il pagamento deve avvenire entro il 16 luglio di ogni anno e bisogna segnalare all’Agenzia delle Entrate quei contribuenti che non hanno fornito le adeguate provviste sui conti segretati per pagare l’imposta stessa. La segnalazione deve essere riportata poi nel modello 770 nel quadro SO e l’Agenzia delle Entrate provvede all’iscrizione a ruolo.

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *