Stati Uniti, inflazione pari all'1,7% nel mese di agosto
Cerca
Close this search box.

INFLAZIONE USA, +1,7% NEL MESE DI AGOSTO

inflazione

Il maggior incremento dei prezzi nel settore medico sanitario: +4,3%. Inflazione mensile nelle attese

L’inflazione su base annua negli Stati Uniti è aumentata dell’1,7% nel mese di agosto. Le stime e il dato precedente erano entrambe pari all’1,8%. Su base mensile invece l’indice dei prezzi al consumo destagionalizzato si è attestato in linea con le attese, segnando un incremento dello 0,1%. Il dato precedente era pari a +0,3%.

ANALISI
L’indice dei prezzi al consumo ha rallentato ulteriormente nel mese di agosto. Da inizio anno l’inflazione è scesa da +2,9%, registrato a gennaio 2019 e massimo a cinque anni, a +1,7% nel mese di agosto. Il valore minimo dell’inflazione americana degli ultimi 5 anni è stato registrato a maggio 2015 quando era di -0,2%.

DETTAGLI
Il maggior incremento dei prezzi su base annua è stato registrato nel settore medico-sanitario ed è stato pari al 4,3%, seguito dai prezzi delle riparazioni (+3,4%) e dei servizi (+2,9%).

Sono crollati, rispetto ad agosto 2018, i prezzi dell’energia, in particolare l’olio combustibile ha evidenziato un decremento dell’8,4% seguito dai servizi energetici che hanno segnato un -8% e dalla benzina (-7,1%).

Rimanendo nel campo dell’energia, l’indice energetico ad agosto 2019 ha segnato il terzo declino degli ultimi 4 mesi, scendendo dell’1,9% rispetto a luglio 2019. Su base annua l’indice energetico è diminuito del 4,4%, trascinato dalla benzina che ha perso da agosto 2018 il 7,1%. Negli ultimi 12 mesi l’indice del gas naturale ha perso il 3,5% mentre invece l’indice per l’elettricità è rimasto quasi invariato, diminuendo solo dello 0,1%.

Su base mensile il maggior incremento dei prezzi è dovuto all’aumento delle tariffe aeree che è stato pari all’1,7%, seguito dall’incremento dei prezzi per auto e camion usati che è stato pari all’1,1%. Su base mensile non ci sono stati importanti decrementi, gli unici decrementi dei prezzi registrati tra luglio 2019 e agosto 2019 hanno riguardato i nuovi veicoli (- 0,1%) e gli arredi domestici (-0,1%).

MOVIMENTO DI MERCATO
Il dollaro non ha risentito particolarmente del dato in quanto il mercato valutario è sotto pressione per altre vicende macroeconomiche. La volatilità sull’euro-dollaro di oggi è dovuta alle scelte di politica monetaria accomodante da parte della Banca Centrale Europea mentre la sterlina risente dell’incertezza politica di Londra.

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *