Infrastrutture: fine delle sofferenze per gli investitori? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Infrastrutture: fine delle sofferenze per gli investitori?

Uno snodo viario autostradale in mezzo a degli alberi

Il 10% in un mese e mezzo. È la performance dell’indice MSCI World Infrastructure a partire dallo scorso 4 ottobre. Una performance che rappresenta tuttavia solo un rimbalzo in uno scenario che ha fatto soffrire gli investitori in infrastrutture. Infatti da inizio anno l’indice è ancora in negativo con una perdita di circa il 3,5% (al 23 novembre 2023).

Alex Araujo, gestore del fondo infrastrutturale di M&G Investments
Photography by Daniel Lewis www.daniellewisphoto.com

Alex Araujo (nella foto), gestore del fondo M&G (Lux) Global Listed Infrastructure Fund, intervistato da Borsa&Finanza in occasione della Winter Soirée di M&G Investments, non si nasconde: “Ci siamo dovuti scontrare con il problema dell’inflazione che sei anni fa, quando abbiamo lanciato il fondo, non c’era. Purtroppo alcune parti del comparto delle infrastrutture sono sensibili ai tassi di interesse che sono saliti con forza nel 2022 e 2023” ha commentato. In aggiunta, Araujo indica tra le cause della cattiva performance l’attenzione del mercato che è andata quasi completamente alle società tecnologiche e la perdita di interesse per le energie rinnovabili, in precedenza al centro di un’eccessiva euforia.

“Su quest’ultimo fattore noi ci eravamo tutelati – ha sottolineato il gestore – sottopesando le energie rinnovabili”. Inoltre, il fondo M&G (Lux) Global Listed Infrastructure considera le energie rinnovabili in un concetto più ampio: non solo le società produttrici ma anche quelle che stanno effettuando la transizione.

 

Mr Araujo, anche gli investimenti vanno giudicati nel lungo periodo partiamo dall’analisi delle motivazioni della performance negativa dell’asset class tra luglio e ottobre di quest’anno. Quali ragioni ne hanno determinato la discesa?

“Penso che il fattore principale sia stato il sentiment di mercato. Se fossero state società private, non quotate in Borsa, gli investitori ne sarebbero soddisfatti in quanto stanno facendo ciò che ci si aspetta in termini di gestione aziendale e risultati. Ma il mercato azionario è molto emotivo e la sensibilità ai tassi di interesse è uno dei fattori che ha l’impatto più forte sul sentiment. Tra luglio e ottobre sono arrivate indicazioni su andamenti dell’inflazione più forti del previsto e su atteggiamenti rigidi da parte della Fed. In questi scenari il mercato azionario può farsi prendere dal panico. Credo che il mercato azionario non sia in grado di fare un buon lavoro nella valutazione delle aziende nel lungo termine. Il valore di un asset che ha 50 o 80 anni di storia non può variare così tanto nel giro di 1 o 3 mesi a causa di tassi di interesse di breve termine. Quindi si è trattato di un problema di market sentiment”.

 

Come per esempio l’euforia sulle società tecnologiche?

“Esatto. E ricordiamoci che l’anno scorso è successo il contrario. Le azioni tecnologiche sono crollate”.

 

Anche nel 2022 però i titoli delle infrastrutture non hanno brillato. Il settore ha lateralizzato.

“Sì ma dobbiamo considerare che il resto del mercato è sceso con forza. Le infrastrutture sono una asset class difensiva e hanno fatto quello che dovevano. In confronto con quanto fatto dal mercato azionario globale l’anno scorso il risultato è stato eccezionale”.

 

Dopo la repentina discesa tra luglio e ottobre, di cui abbiamo parlato, ora ci sono segnali di risveglio del comparto infrastrutture. Su quali basi potrebbe ripartire?

“Nell’ultimo periodo il settore ha mostrato segnali di risveglio e le società hanno accennato a un rimbalzo in Borsa. Ci sono diverse ragioni per investire in un fondo infrastrutturale in questo momento: il comparto sta uscendo da una fase difficile, le prospettive per i dividendi si mantengono buone ed è possibile catturare le opportunità che scaturiscono dai trend di lungo termine. Inoltre, con riferimento al nostro fondo, abbiamo un’esposizione alla leva finanziaria inferiore rispetto al benchmark. Per quanto riguarda i tassi di interesse, anche se dovessero rimanere ai livelli attuali e non scendere il comparto reagirebbe positivamente”.

 

Pensa che le rinnovabili potranno tornare al centro dell’attenzione?

“Noi abbiamo spostato parte del portafoglio sui transition business perché li è dove crediamo ci siano le maggiori opportunità ma ci sarà un momento in cui le rinnovabili ritorneranno al centro dell’attenzione. Penso sia necessario che i responsabili politici ricomincino a spingere sulla transizione energetica, soprattutto negli USA dove è stata un’area problematica per il mercato”.

 

AUTORE

Picture of Alessandro Piu

Alessandro Piu

Giornalista, scrive di economia, finanza e risparmio dal 2004. Laureato in economia, ha lavorato dapprima per il sito Spystocks.com, poi per i portali del gruppo Brown Editore (finanza.com; finanzaonline.com; borse.it e wallstreetitalia.com). È stato caporedattore del mensile Wall Street Italia. Da giugno 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *