Intesa traina Piazza Affari, spread di nuovo sopra i 200
Cerca
Close this search box.

INTESA TRAINA PIAZZA AFFARI, SPREAD ANCORA A 200

piazza affari

Intesa Sanpaolo e i bancari trainano il listino milanese. Tenaris giù dopo la trimestrale

Scarsa enfasi da parte dei mercati per l’intervento della Fed di ieri sera. Le borse europee aprono miste, il dollaro conferma l’apprezzamento partito ieri sera che ha portato l’euro ai minimi da maggio 2017 mentre il Bund tedesco tocca un nuovo record negativo. Piazza Affari si mantiene sopra la parità, a +0,57% ed è la migliore del vecchio continente, il cui settore manifatturiero si conferma debole: il 46,5 di luglio dei Pm è il secondo peggior dato dato da inizio 2013. Continua a crescere lo spread, che si riporta sopra quota 200, sulla scia delle divisioni ancora da risolvere sul ddl Giustizia in discussione al Consiglio dei Ministri.

TITOLI MIGLIORI

Intesa San Paolo 2,48%
Forti acquisti sulla banca guidata da Carlo Messina che fa da traino a Piazza Affari dopo la pubblicazione di ieri della trimestrale: utile netto in crescita a 1.216 milioni di euro nel secondo trimestre 2019 (+31% rispetto a un anno fa). Confermata l’attesa di un aumento del risultato netto per quest’anno, conseguente a una crescita dei ricavi, la riduzione dei costi operativi e un calo del costo del rischio.

Bpm 1,69%
Secondo alcuni analisti il titolo è fortemente influenzato dal mercato e dal comparto di riferimento, oggi traino del listino milanese. Permane un trend negativo di lungo periodo, avviato dal massimo del 2 ottobre 2017 a 3,5760 euro. 

Fineco 1,6%
Continua il rimbalzo dopo le 4 sedute pesanti tra il 25 e il 30 luglio scorsi. Ieri +1,26% (ma aggiornati i minimi dal 4 gennaio a 8,766 euro), oggi guadagni oltre il punto percentuale e mezzo. Il titolo si trova però ancora in un trend negativo di breve periodo: prossimo supporto a rischio a quota 8,5.

TITOLI PEGGIORI

Tenaris -3,7%
Paga l’avvertimento della società a seguito della pubblicazione della trimestrale avvenuta stanotte: “Nel terzo trimestre il fatturato sarà condizionato da un calo medio dei prezzi di vendita e da fattori stagionali che saranno in parte compensati da costi inferiori”. Ricavi netti a 1,918 miliardi di dollari, +7% rispetto all’anno scorso.

Ferragamo -1,2%
Ancora rosso per il titolo del lusso dopo il -7,8% di ieri a seguito del II trimestre segnato dall’incremento delle vendite del 4,6% ma con margini in riduzione.

Campari -0,8%
Accordo per la vendita di una proprietà immobiliare in Francia risalente all’acquisizione di Grand Marnier tre anni fa: è l’ultimo pezzo del processo di dismissione delle attività non strategiche relative all’acquisizione del marchio francese. 

ANALISI DEL FTSE MIB
Seconda seduta di fila positiva per Piazza Affari, fisiologico dopo quattro rossi consecutivi. Si sta delineando sempre di più un nuovo trend negativo di breve periodo dopo il picco del 25 luglio scorso a 22.357 punti. Nuova resistenza a 21.934 punti per poi un possibile sfondamento di nuovi supporti a 21.116. Sopra le aspettative il 48,5 dell’indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero a luglio, sebbene rimanga ben al di sotto di quota 50 -che indica espansione del settore-.

SPREAD
Sesta seduta di fila in rialzo per il differenziale Btp Bund. Il 25 luglio aveva toccato un minimo di 177 punti, record negativo da maggio 2018. Oggi ha superato i 200 per poi ritracciare a 198 punti, sulla scia delle divisioni della maggioranza di governo sul ddl giustizia, in discussione in Cdm.

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *