Invesco amplia la gamma di ETF su corporate bond sostenibili - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Invesco amplia la gamma di ETF su corporate bond sostenibili

Nell'immagine la sostenibilità è rappresentata da due mani che tengono un piccolo globo terrestre di vetro

Nonostante il 2023 abbia segnato una battuta d’arresto per le emissioni di obbligazioni ESG, il bilancio degli ultimi cinque anni registra una forte crescita. Infatti, se nel 2018 il mercato globale dei bond ESG valeva circa 420 miliardi di dollari, al 2022 si era arrivati a circa 2.000 miliardi. Lo sviluppo è stato guidata dalla maggiore attenzione destinata dagli investitori ai rischi ESG, dallo sviluppo di nuovi prodotti di investimento e dal ritorno in auge del mercato obbligazionario negli ultimi due anni. Segue questo trend il nuovo ETF obbligazionario corporate globale ESG lanciato da Invesco, che mira a replicare l’indice Bloomberg MSCI Global Liquid Corporate ESG Weighted SRI Sustainable Bond che include titoli di debito a tasso fisso e imponibili emessi da società globali dei Paesi sviluppati.

“Negli ultimi 5 anni gli investitori hanno utilizzato sempre più spesso gli ETF per ottenere un’esposizione ai mercati del reddito fisso. Uno dei principali motori di questa accelerazione della domanda è stato il lancio di ETF a reddito fisso mirati a specifici obiettivi legati ai fattori ESG, in particolare quelli che hanno lo scopo di fornire un aumento delle caratteristiche ESG mantenendo un profilo di rischio e rendimento simile a quello di un benchmark non ESG” ha commentato Gary Buxton, responsabile EMEA ETFs & Indexed Strategies di Invesco.

 

Su cosa investe il nuovo ETF di Invesco

L’Invesco Global Corporate Bond ESG UCITS mira a fornire agli investitori un’esposizione agli emittenti investment grade con un solido profilo ESG. Gestito passivamente, l’ETF investirà in titoli di società emittenti denominati in sterline, euro, dollari USA e dollari canadesi, provenienti da tutti i mercati sviluppati, utilizzando fattori di ponderazione basati su specifiche metriche ESG. Gli emittenti verranno esclusi dall’indice se coinvolti in determinate attività commerciali, se hanno un rating MSCI ESG inferiore a BBB o se hanno affrontato controversie molto gravi relative a questioni ESG negli ultimi tre anni. Inoltre, l’indice si baserà sugli MSCI ESG Ratings per guidare le allocazioni rispetto ai loro valori di mercato nell’indice Global Aggregate Corporate, mantenendo il peso del valore di mercato degli emittenti entro un tetto massimo del 5%. Il ribilanciamento dell’indice avverrà mensilmente. Inoltre, gli emittenti devono essere investment grade.

“L’ETF potrebbe risultare interessante per gli investitori che hanno un approccio ESG e che desiderano sfruttare i rendimenti obbligazionari attuali, insieme al possibile scenario favorevole dei tassi di interesse nel futuro, senza esporsi a rischi valutari individuali o allontanarsi troppo dalle caratteristiche del benchmark standard” ha sottolineato Paul Syms, responsabile EMEA Fixed Income e Commodity ETF Product Management di Invesco.

 

Le caratteristiche del nuovo prodotto

Il nuovo ETF di Invesco è a distribuzione dei proventi e ha una commissione di gestione dello 0,15% all’anno. La sua valuta di base è il dollaro USA mentre la valuta di negoziazione è l’euro. Identificato dal codice ISIN IE00BF51K025 nel suo portafoglio aggiornato al 19 aprile 2024 sono presenti in maggioranza obbligazioni del settore bancario (38,61%), seguite da quelle del settore farmaceutico con il 7,89% e delle telecomunicazioni al 6,80%. In termini geografici prevale la componente statunitense con il 78,66% di obbligazioni. Il 7,91% del portafoglio è dedicato a titoli del Regno Unito.

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *