Investv: vola il petrolio e le Borse sbandano in avvio di settimana
Cerca
Close this search box.

Investv: vola il petrolio e le Borse sbandano in avvio di settimana

Investv: focus su Ucraina e record del Petrolio

Nella prima puntata della settimana per Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo Designori e Pietro Origlia, scenderanno in campo Tony Cioli Puviani per la squadra gialla e Filippo Giannini per la squadra azzurra.  L’appuntamento come di consueto è visibile in diretta streaming ogni giorno dalle ore 10 sul canale YouTube di Vontobel certificati.

 

Il riassunto di venerdì 4 Marzo

Nell’ultima seduta della settimana si sono sfidati i capitani delle due squadre. Nello specifico Pietro Origlia per la squadra azzurra ha proposto una strategia rialzista sul titolo Stm che prevedeva un ingresso in area 34,89 euro, con un target nei pressi dei 35,95 euro ed uno stop a 34,48 euro. La strategia andando in stop ha realizzato, con l’uso della leva del 3,5%, una performance negativa del 4,11%.

Al contrario Riccardo Designori ha proposto un’operazione rialzista sul nostro indice principale che prevedeva un ingresso sui 22.775 punti con target in area 23.320 punti ed uno stop sui 22.450 punti. Anche questa operazione, con una leva del 5,58%, ha realizzato una performance negativa del 6,62%.

 

Investv: i temi della puntata odierna

In una settimana che sarà contrassegnata dalla riunione della Bce il focus non potrà non essere rivolto ancora al conflitto presente in Ucraina che anche nel fine settimana ha visto allontanarsi una de-escalation. Anzi nelle ultime ore gli Usa premono per l’embargo sul petrolio russo che potrebbe essere negativo soprattutto per Germania e Italia visto che una misura del genere si trasformerebbe in un boomerang che colpirebbe le rispettive produzioni industriali.

In questo contesto prosegue il rally delle principali materie prime con il petrolio che si porta sui massimi del 2008 con il Brent che guarda i 140 dollari al barile ed il Wti oltre i 125 dollari. Inoltre il forte rincaro delle derrate alimentari aumenta sempre di più i timori riguardanti quell’inflazione che potrebbe rimanere su livelli alti anche per gran parte del 2022.

 

 

 

AUTORE

Picture of Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *