Jef Aérosol: le 5 opere più costose dell'artista francese - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Jef Aérosol: le 5 opere più costose dell’artista francese

Un stencil di Jef Aérosol su un muro

Jef Aérosol è uno dei pionieri della street art in Europa e le sue opere più costose (come risultati delle aste) riescono a strappare maxi assegni a cinque zeri. Pochi, a ben vedere, almeno rispetto alle cifre stellari raggiunte da Banksy. Insieme a Blek le rat, Jean-François Perroy (questo il suo vero nome) è il precursore assoluto dell’arte dello stencil, sperimentatore inarrestabile che dagli anni Ottanta si distingue per i sofisticati contrasti di bianco e nero usati per i suoi celebri ritratti.

 

Jef Aérosol: le 5 opere più costose

Classe 1957, nato a Nantes e completamente autodidatta, Jef Aérosol è una figura di spicco della prima generazione di urban artist che dai muri di Parigi e delle più importanti città al mondo passano alle esposizioni in prestigiose istituzioni, gallerie ed eventi internazionali, dal Centre Pompidou alla Biennale di Völklingen. Ogni suo lavoro è caratterizzato da un’enigmatica freccia rossa, la firma che rende riconoscibile ed inequivocabile Perroy. Ma quali sono le sue opere più costose?

 

Brooklyn Girl

Il dialogo tra arte e società e il labile confine tra celebrità e oblio sono al centro del lavoro di Jef Aérosol. Da un viaggio a New York nel 2014 nasce questo trittico con la ragazza di Brooklyn al centro e il block in cui vive ai lati. Un’istantanea dell’indagine della figura umana dedicata a persone comuni prese dalla strada: giovani e adulti, bambini e anziani. Nel novembre del 2017 da Tajan a Parigi è venduto per 15.600 euro.

Brooklyn Girl di Jef Aérosol
Brooklyn Girl (foto: Tajan)

 

Twiggy

Nella ritrattistica di Perroy una fetta significativa di soggetti è occupata da personaggi famosi della cultura pop della seconda metà del Novecento. Tra questi spicca l’iconica Twiggy Lawson, la ragazza dei sobborghi londinesi diventata mito assoluto della moda e simbolo della rivoluzione dei Sixties. Questo grosso stencil del 2012 (191 x 157 cm), stimato tra gli 8.000 e i 12.000 euro, è venduto a 18.200 euro nell’aprile del 2018 da Artcurial a Parigi.

Twiggy di Jef Aérosol
Twiggy (foto: Artcurial)

 

Warhol & Basquiat

Quella tra Andy Warhol e Jean-Michel Basquiat non è stata una semplice collaborazione creativa, ma un forte rapporto di amicizia che ha segnato l’arte contemporanea e infiammato le notti newyorkesi a Soho negli anni Ottanta. Nel 2012 Jef Aérosol dedica al sodalizio Warhol x Basquiat questa gigantesca opera su cartone (208 x 126 cm) che nel gennaio del 2013 finisce all’asta da Artcurial a Parigi: partita da una base tra i 3.500 e i 4.500 euro, raggiunge i 19.306 euro.

Warhol & Basquiat di Jef Aérosol
Warhol & Basquiat (foto: Artcurial)

 

Sans titre – 2011

Uno dei lavori più popolari di Jef Aérosol è The Sitting Kid, la silhouette del bambino colto nell’atto di stringere a sé le proprie ginocchia, disegnato sulla Grande muraglia cinese. A quest’immaginario infantile rimanda pure questo quadro senza titolo del 2011, mix di stencil e vernice spray su tela che racconta il quotidiano di tre adolescenti asiatici. Quando va all’asta nell’aprile del 2017, sempre da Artcurial a Parigi, è venduto per 19.500 euro.

Sans titre del 2011 di Jef Aérosol
Sans titre del 2011 (foto: Artcurial)

 

Michel-Ange et Leonard

La produzione figurativa di Perroy si muove senza alcuna distinzione tra muralismo, stencil e lavori su supporto mobile, persino un vero carro armato Sherman M4A1 restaurato per War Is Hell. In questo caso, l’incrocio di stencil e vernice spray (con tanto di bombolette presenti sul disegno) è su cartone e celebra due geni italiani: Michelangelo Buonarroti e Leonardo da Vinci. Nel febbraio del 2015, ancora una volta da Artcurial a Parigi, è venduto per 20.800 euro: ad oggi, l’opera più costosa dell’artista francese.

Michel-Ange et Leonard di Jef Aérosol
Michel-Ange et Leonard (foto: Artcurial)

Fuori dalla Top 5 rimangono altre opere significative di Jef Aérosol. Due senza titolo (uno del 1987 e uno del 2013) venduti da Artcurial rispettivamente nell’aprile del 2018 per 13.750 euro e nel novembre del 2021 per 13.000 euro; un quadro dedicato al leggendario Quadrophenia degli Who, passato da Artcurial nel febbraio del 2016 per 13.650 euro; la colorata Geisha giapponese battuta da Bonhams nel settembre del 2011 per 6.250 sterline.

AUTORE

Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *