JP Morgan punta sulle filiali fisiche, cosa fare con l'azione? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

JP Morgan punta sulle filiali fisiche, cosa fare con l’azione?

La sede di JP Morgan a Hong Kong

JP Morgan sta dando nuova vitalità alle filali bancarie. Mentre centinaia di sportelli vengono chiusi e i clienti migrano sulle app, le sedi fisiche rappresentano ancora un elemento chiave nella strategia della più grande banca degli Stati Uniti. Il gruppo ha in programma di aprire 500 nuove filiali nei prossimi tre anni, espandendosi nelle città in cui è arrivata di recente, come Boston, Filadelfia e Charlotte. Per avere un’idea, solo 17 banche attualmente vantano più di 500 filiali, mentre JPMorgan ne gestisce quasi 5.000. “Quella con le filiali è una vera e propria storia d’amore”, ha dichiarato l’anno scorso agli analisti Jennifer Piepszak, un alto dirigente della banca.

Nel 2018 JP Morgan ha annunciato per la prima volta l’intenzione di aprire centinaia di nuove filiali, un piano inizialmente accolto con scetticismo dagli analisti,dato che già allora le sedi fisiche sembravano essere passate di moda. Nei sei anni successivi sono state più di 650 le aperture, con l’ingresso in 25 nuovi Stati. È la prima banca ad avere filiali in tutti i 48 Stati americani e secondo i dirigenti i risultati hanno superato le aspettative.

Attualmente, JP Morgan gestisce oltre 2.000 miliardi di dollari in depositi, quasi il doppio rispetto a dieci anni fa. Secondo i dati della Federal Deposit Insurance Corp., nel 2021 JPMorgan ha superato Bank of America come maggiore detentrice di depositi totali. Ora la banca punta a raccogliere il 20% dei depositi dell’intero Paese, rispetto al 12% attuale secondo S&P Global Market Intelligence. “Praticamente tutte le metriche che valutiamo durante le nostre decisioni di investimento indicano chiaramente che la nostra scelta di investire è stata positiva, e stiamo intensificando i nostri sforzi” ha dichiarato in un’intervista Jennifer Roberts, amministratore delegato della Consumer Bank di JPMorgan.

 

Azioni JP Morgan: quotazioni raggiungono al massimo storico

Quotate sul New York Stock Exchange, le azioni JP Morgan sembrano essere impostate al ribasso nel breve termine. Dopo il minimo toccato lo scorso 27 ottobre 2023 sul livello 135,19, l’azione ha drasticamente invertito la propria rotta cominciando a salire con molta costanza, posizionandosi al di sopra di una trendline ascendente fino a venerdì della passata settimana, quando ha realizzato il proprio massimo storico a quota 200,48 (soglia psicologica 200 dollari).

Il trend rialzista di questi mesi è stato molto forte ed è avvenuto senza ritracciamenti degni di nota. Finché “the trend is your friend” non ci sono certamente motivi per ipotizzare situazioni ribassiste, ma è anche vero che nessun trend è eterno. Gli eccessi di rialzo, in particolare, portano solitamente a successive violente discese, per cui potrebbe essere conveniente liquidare parte del portafoglio per mettere al sicuro gli ottimi guadagni fin qui ottenuti.

Il massimo storico recentemente battuto (diventato resistenza visto che nell’intraday i corsi sono stati respinti), unitamente alla negatività di lunedì, infatti, potrebbero essere un indizio da monitorare per anticipare un eventuale storno del titolo. In questo caso, il primo target individuabile si trova in area 189,87 dove transita l’importante indicatore Supertrend.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 196,11 con target nell’intorno dei 200,48 dollari, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 194,06 con obiettivo molto vicino al livello 189,87. L’impostazione algoritmica, comunque, vede i prezzi stazionare ancora al di sopra sia dell’indicatore Parabolic Sar che della media mobile a 25. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’oscillatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 67.


L’andamento di breve termine del titolo JPMORGAN

AUTORE

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *