Lotteria Italia 2023: quanto si vince e quando ci sarà l'estrazione - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Lotteria Italia 2023: quanto si vince e quando ci sarà l’estrazione

Il biglietto digitale della Lotteria Italia 2023

Si avvicina l’estrazione dei biglietti della Lotteria Italia 2023, il gioco a premi nazionale che dal 1956-1957, gli anni di Le canzoni della fortuna e Canzonissima, è abbinato ad uno dei programmi televisivi più famosi della Rai. Nonostante la SIPs (la Società italiana di psicologia) abbia rintracciato nei vincitori la “sindrome da ricchezza improvvisa”, ovvero il peggioramento della qualità della vita post-vincita, ritrovarsi con una cifra da capogiro sul conto rimane un sogno per milioni di italiani.

 

Quanto si vince alla Lotteria Italia 2023

La formula della Lotteria Italia, regolamentata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, resta sempre la stessa pure nel 2023: il gioco si apre il 25 settembre e assegna sia 77 premi giornalieri, annunciati durante le puntate del quiz Affari tuoi a partire dal 16 ottobre e disponibili sul sito ufficiale e sul portale dell’ADM, che il primo premio e numerosi premi collaterali di diverse categorie.

I premi giornalieri ammontano a 10.000 euro nel periodo dal 16 ottobre al 24 dicembre e a 20.000 euro in quello delle festività dal 25 al 31 dicembre. Per concorrere all’estrazione dei premi giornalieri, bisogna acquistare un biglietto e soprattutto registrarlo: sul sito ufficiale della Lotteria Italia, sull’applicazione My Lotteries oppure inviando il codice a 10 cifre del biglietto via voce al numero 894444 o SMS al 4770770. Le telefonate, gli SMS e la registrazione per partecipare all’assegnazione dei premi giornalieri possono essere effettuati fino alle 23:59 del 17 dicembre. La registrazione è necessaria anche per l’estrazione finale, non solo per i premi giornalieri.

Quanto ai premi dell’estrazione finale, il primo premio è di 5 milioni di euro. L’ammontare complessivo e il numero delle vincite dei premi di seconda e terza categoria vengono decisi da una commissione esterna che divide le somme in base al numero totale di biglietti venduti.

I premi di prima, seconda e terza categoria, quindi, sono distribuiti in maniera diversa di anno in anno, a seconda dei biglietti venduti. Nel 2022, ad esempio, sono stati assegnati quattro premi di prima categoria da 1 milione a 2,5 milioni di euro, dieci premi di seconda categoria da 50.000 euro l’uno e 180 premi di terza categoria da 20.000 euro.

 

Lotteria Italia 2023: quando ci sarà l’estrazione

L’estrazione della Lotteria Italia 2023 avviene il 6 gennaio nel corso della puntata speciale di Affari tuoi, il game show di Rai 1 condotto da Amadeus dal Teatro delle Vittorie di Roma che andrà in onda non nel consueto spazio dell’access prime time ma in prima serata. È in questo appuntamento televisivo che si consuma l’estrazione finale dei biglietti fortunati dei premi di prima, seconda e terza categoria.

Il biglietto della Lotteria Italia costa 5 euro ed è acquistabile sia in ricevitoria e presso i rivenditori autorizzati che online aprendo un conto gioco da computer, tablet o smartphone. L’app My Lotteries si scarica gratuitamente su Google Play per dispositivi Android e su App Store per sistemi operativi iOS e permette di giocare anche a Lotto, 10eLotto, MillionDay e Gratta e Vinci. Tra i biglietti cartacei e quelli digitali non c’è alcuna differenza. Cambia soltanto il numero di serie: da 0 a 500.000 per i cartacei, da 500.000 in avanti per quelli online, conosciuti come serie AA e AB.

È possibile acquistare biglietti online nella finestra di tempo che va dal 25 settembre fino al 3 gennaio. Allo scoccare della mezzanotte del 4 gennaio, scatta lo stop alla vendita digitale. Fisicamente, invece, la vendita dei tagliandi prosegue regolarmente fino alle 21 del giorno dell’Epifania. Le probabilità di vincita alla Lotteria Italia sono di 1 su 11 milioni per il primo premio e 1 su 2,2 milioni per i premi di prima categoria perché sono stati stampati 10 milioni di biglietti cartacei e generati 1 milione di tagliandi digitali. Naturalmente le probabilità aumenteranno se il numero complessivo di biglietti venduti risulterà inferiore a quello del totale tra stampati e generati.

Non bisogna mai dimenticare che tutti i codici dei biglietti vincenti saranno pubblicati nel Bollettino Ufficiale postato sul sito dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e che la riscossione dei premi deve avvenire entro sei mesi dalla pubblicazione. La richiesta di pagamento segue procedure differenti, a seconda del formato del biglietto, se cartaceo o digitale.

Il cartaceo va presentato (o spedito, a proprio rischio) all’Ufficio Premi di Lotterie Nazionali in viale del Campo Boario 56/D a Roma oppure presso uno degli sportelli di Intesa Sanpaolo; il digitale si riscuote sempre all’Ufficio Premi o in banca da Intesa Sanpaolo, ma presentando la stampa del promemoria di gioco insieme ai documentati e all’IBAN. A differenza di questo accaduto in passato, le vincite di qualsiasi importo della Lotteria Italia non sono tassate e vengono pagate entro e non oltre 45 giorni dalla presentazione della richiesta di riscossione (per i premi giornalieri) e della data di messa a disposizione dei fondi da parte dell’ADM per i premi di prima categoria.

Infine, chi ha comprato un biglietto che risulta vincente alla Lotteria Italia 2023 ma non provvede ad inoltrare la richiesta di riscossione entro i 180 giorni successivi alla pubblicazione dei tagliandi vincenti sul Bollettino Ufficiale, perde il premio. I soldi non reclamati sono gestiti dall’Erario, l’amministrazione finanziaria nazionale, e finiscono nelle casse dello Stato.

AUTORE

Picture of Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *