Azioni Maire Tecnimont: che fare dopo firma contratto con Sonatrach - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Maire Tecnimont: che fare dopo firma contratto con Sonatrach

Il grattacielo di Porta Garibaldi dove ha sede, a Milano, la società Maire Tecnimont

Un consorzio formato da Tecnimont (Integrated E&C Solutions), controllata di Maire Tecnimont si è aggiudicato da Sonatrach un contratto EPC per la realizzazione di tre stazioni di compressione e il potenziamento del sistema di raccolta del gas nel giacimento di gas di Hassi R’mel, situato 550 chilometri a sud di Algeri, il più grande dell’Algeria e uno dei più importanti a livello mondiale.

Il valore totale del contratto è di circa 2,3 miliardi di dollari, di cui 1,7 miliardi sono di competenza di Tecnimont. Il progetto prevede la costruzione di tre stazioni di compressione del gas, con turbo compressori capaci di comprimere circa 188 milioni di metri cubi al giorno di gas naturale. Inoltre, include il potenziamento del sistema di raccolta con oltre 300 km di condotte che collegano i pozzi.

Questo contratto conferma il ruolo chiave di Maire Tecnimont nell’ingegneria di progetti energetici strategici e contribuirà in modo significativo all’ottimizzazione della fornitura di gas dall’Algeria, diversificando le risorse energetiche di Italia ed Europa. Inoltre, rafforza la cooperazione tra Unione europea e Africa, consolidando i legami tra le due sponde del Mediterraneo.

Alessandro Bernini, amministratore delegato del gruppo Maire Tecnimont, ha dichiarato: “Dopo aver vinto il contratto per l’impianto di alchilbenzene nella zona industriale di Skikda lo scorso marzo, Sonatrach ha nuovamente scelto il nostro gruppo per questo progetto. Questa nuova iniziativa rafforza i nostri legami commerciali con Sonatrach e le relazioni bilaterali tra Italia e Algeria. L’assegnazione di questo contratto rappresenta un importante riconoscimento per l’intera filiera italiana, grazie alla partnership con Baker Hughes e alle ricadute economiche sul nostro Paese”.

 

Azioni Maire Tecnimont in congestione

Le azioni Maire Tecnimont sembrano essere impostate al ribasso nel breve termine, anche grazie alla performance negativa registrata nella seduta di ieri (-1,01%). Dopo un’apertura al di sotto della chiusura precedente, infatti, le quotazioni si sono mantenute tutta la giornata all’interno di uno stretto trading range compreso tra i livelli 7,310 e 7,450, andando a chiudere sul finale a quota 7,35.

Dopo il rally rialzista del mese di marzo che ha permesso all’azione di avvicinarsi alla soglia degli 8 euro, si è assistito a una progressiva fase di congestione in cui l’azione non è mai scesa sotto quota 7. La mancanza di direzionalità non ha impedito il crearsi di valide opportunità di trading adottando la strategia del “comprare sui supporti e vendere sulle resistenze”.

È molto probabile che tale lateralità prosegua anche nelle prossime settimane, con una iniziale continuazione del recente lieve movimento ribassista fino al supporto presente a quota 7,080, per poi invertire la rotta con un pronto rimbalzo che riporterebbe i prezzi verso il livello superiore della congestione in area 8 euro.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 7,450 con target nell’intorno degli 8 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 7,310 con obiettivo molto vicino al livello 7. L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati ribassisti da lunedì scorso. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’oscillatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 45.


L’andamento di breve termine del titolo MAIRE TECNIMONT

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *