Manchester United: la sfida tra Jassim e Ratcliffe alle battute finali - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Manchester United: la sfida tra Jassim e Ratcliffe alle battute finali

Un'immagine dello stadio Old Trafford del Manchester United

Il mercato azionario ci crede, i tifosi ci sperano. L’offerta dello sceicco Jassim bin Hamad bin Jassim bin Jaber Al Thani, figlio dell’ex primo ministro del Qatar Hamad bin Jassim bin Jaber Al Thani, per l’acquisto del Manchester United potrebbe essere accettata dall’attuale proprietario, lo statunitense Avram Glazer. L’azione del team di calcio inglese sale di oltre 17 punti percentuali al NYSE prima dell’apertura delle contrattazioni, dopo aver toccato un picco di rialzo di circa il 30%.

Gli acquisti sono scattati dopo le indiscrezioni, al momento non confermate, rilanciate da un tweet del quotidiano qatariota Al-Watan, secondo il quale l’offerta avanzata dallo sceicco sarebbe stata un successo. Lo sceicco avrebbe dato tempo agli attuali proprietari del club fino a venerdì per accettare o rifiutare la nuova offerta ma, secondo il quotidiano The Guardian, Jassim sarebbe disposto ad aspettare ancora.

 

Il rilancio di Al Thani per contrastare Jim Ratcliffe

La partita dovrebbe concludersi comunque con una vittoria per il Machester United che vede concorrere per l’acquisto, oltre allo sceicco Jassim, il proprietario dell’azienda chimica inglese Ineos, Sir Jim Ratcliffe. Tuttavia, mentre Al Thani si è offerto di acquisire l’intero club, Ratcliffe vorrebbe solo una quota del club, sebbene di maggioranza (60%). Questo dovrebbe consentire ai membri della famiglia Ratcliffe di mantenere delle quote nel club inglese.

L’ultimo rilancio da parte dello sceicco è arrivato nel fine settimana e sarebbe questa offerta ad essere stata “un successo” secondo il giornale qatariota. La cifra sarebbe superiore ai 5 miliardi di sterline e secondo Reuters sarebbe affiancata dalla cancellazione di debiti per un miliardo di sterline e da importanti investimenti, fino a un miliardo di sterline per la riqualificazione dell’Old Trafford e altre infrastrutture appartenenti al Manchester United.

La partita tra Al Thani e Ratcliffe è in corso dallo scorso novembre e sembrava potesse arrivare a un esito finale già nel mese di marzo. Tuttavia la crisi bancaria e la volatilità dei mercati hanno portato a una restrizione delle forniture di credito che, secondo quanto aveva rimarcato il quotidiano inglese The Guardian, avrebbero impedito ai due contendenti di trovare finanziamenti sufficienti.

 

Chi sono i pretendenti del Manchester United

Jassim bin Hamad bin Jassim bin Jaber Al Thani è uno dei membri della potente famiglia reggente del Qatar, gli Al Thani. Jassim, in particolare, è il nipote dell’emiro Tamim bin Hamad Al Thani, proprietario del Paris St Germain. Sempre in ambito famigliare rientra anche la proprietà del Machester City, controllato da Mansur bin Zayd Al Nahyan, il cugino dell’emiro. Presidente della Qatar Islamic Bank, la più grande dell’emirato, gli viene attribuito da Fobes un patrimonio superiore a 1,36 miliardi di dollari che, tuttavia, è solo stimato.

Sir Jim Ratcliffe è il proprietario, presidente e amministratore delegato dell’azienda chimica Ineos, con un patrimonio che secondo le stime di Forbes ammonterebbe a 20,7 miliardi di dollari (stime 2023) che lo classificherebbero al settantasettesimo posto nella classifica mondiale degli uomini più ricchi.

AUTORE

Picture of Alessandro Piu

Alessandro Piu

Giornalista, scrive di economia, finanza e risparmio dal 2004. Laureato in economia, ha lavorato dapprima per il sito Spystocks.com, poi per i portali del gruppo Brown Editore (finanza.com; finanzaonline.com; borse.it e wallstreetitalia.com). È stato caporedattore del mensile Wall Street Italia. Da giugno 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *