Nikkei225: perché marzo sarà un mese cruciale, come comportarsi - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Nikkei225: perché marzo sarà un mese cruciale, come comportarsi

La campanella di inizio contrattazioni della Borsa di Tokyo, il cui indici principale è il Nikkei225

L’indice giapponese Nikkei225 ha toccato recentemente i propri massimi storici superando per la prima volta la soglia dei 40.000 punti, soprattutto grazie alla corsa delle azioni tecnologiche in scia al rally del Nasdaq. Il nuovo top è stato favorito anche dallo yen, tornato a indebolirsi ben al di sopra di quota 150 per un dollaro, dopo che il governatore della Banca del Giappone (BoJ), Kazuo Ueda, ha ridimensionato le aspettative di una prossima svolta nella politica monetaria.

“Non siamo ancora in grado di prevedere il raggiungimento di un obiettivo di inflazione sostenibile e stabile” – ha dichiarato Ueda – anche perché sono in corso importanti negoziazioni salariali”. Solo al termine di questo confronto tra aziende e lavoratori sarà possibile affermare se l’economia si trovi “in quello che si può definire un ciclo virtuoso: le richieste dei lavoratori stanno superando il livello dell’anno scorso e molte imprese rispondono in modo affermativo alle domande”.

In effetti il mercato del lavoro in Giappone è rimasto rigido a gennaio: il tasso di disoccupazione è sceso al 2,4% dal 2,5% del mese precedente. Si tratta del livello più basso dall’inizio del 2020. Le aziende cercano manodopera in un quadro di rallentamento dell’attività manifatturiera, come ha segnalato l’indice Pmi di S&P Global calato a 47,2 punti dai 48 precedenti. Si tratta della nona contrazione mensile consecutiva e del dato più basso da agosto 2020.

“I negoziati dovrebbero contribuire a segnalare se l’inflazione si sia radicata. Riteniamo che la BoJ porrà fine alla politica dei tassi di interesse negativi nei prossimi mesi, ma avrà bisogno di ulteriori prove di un’inflazione sostenuta prima di aumentare ulteriormente i tassi” prevede Tognoli.

 

Nikkei225: quotazioni alle prese con il supporto a 38.800

L’indice della Borsa giapponese Nikkei225 sembra essere impostato al rialzo nel breve termine. Dopo il doppio minimo verificatosi lo scorso ottobre 2023 in area 30.500, l’indice ha proseguito la propria corsa con un forte e perdurante movimento rialzista, sostenuto da una ben delineata trendline ascendente, fino toccare il proprio massimo storico sul livello 40.591 il 6 marzo. Da quel momento si è assistito ad un veloce ritracciamento, rappresentato da tre violente giornate consecutive al ribasso, che si è arrestato in prossimità del supporto presente a quota 38.800 e costituito dalla media mobile a 25 periodi.

Quest’ultimo è proprio il livello spartiacque tra positività e negatività del mercato. Un suo abbandono significa che lo storno potrebbe accelerare verso il basso puntando verso l’area 37.000. Al contrario, la sua tenuta apre ampi spazi di recupero per raggiungere nuovamente i recenti massimi e superarli.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 38.921 con target nell’intorno dei 40.016 punti, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 38.431 con obiettivo molto vicino al livello 37.663. L’impostazione algoritmica, comunque, vede i prezzi stazionare al di sotto sia dell’indicatore Supertrend che dell’indicatore Parabolic Sar. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’oscillatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 52.


L’andamento di breve termine dell’indice NIKKEI225

AUTORE

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *