Azioni Prysmian, cosa fare dopo completamento parco eolico in Francia - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Prysmian, cosa fare dopo completamento parco eolico in Francia

L'immagine mostra due rocchetti che girano su alcuni cavi colorati di Prysmian

Prysmian, società attiva nel settore dei sistemi in cavo per energia e telecomunicazioni, ha collaudato con successo il sistema in cavo inter-array per il parco eolico offshore Fécamp, situato nel canale della Manica, a circa 24 km dalla costa francese, nel dipartimento della Senna Marittima).

Il parco eolico offshore si compone di 71 turbine eoliche con una potenza complessiva di quasi 500 MW, in grado di generare una quantità di elettricità pulita pari al fabbisogno energetico di oltre 770.000 persone. Prysmian si era aggiudicata questo progetto nel 2020 con la commessa assegnata da EDF Renewables e dai suoi partner.

“Per Prysmian questo importante progetto rappresenta un altro decisivo traguardo, trattandosi di uno dei primi parchi eolici offshore di grandi dimensioni situato in Francia, nell’ambito del quale il gruppo ha avuto piena responsabilità EPCI per la fornitura e l’installazione di cavi inter-array – ha dichiarato Alberto Boffelli, direttore operativo Projects BU di Prysmian –. Quale fornitore di servizi sul modello “one-stop-shop”, Prysmian è stata responsabile della progettazione, della produzione, dell’installazione, dell’interro, del collegamento e del collaudo di un totale di 118 km di cavi sottomarini da 33 kV”.

 

Azioni Prysmian: dopo il ritracciamento le quotazioni si appoggiano sul supporto in area 40

Le azioni Prysmian sembrano essere impostate al rialzo nel breve termine anche grazie alla performance positiva registrata nella seduta di ieri (+1,60%). Dopo un’apertura al di sopra della chiusura precedente, infatti, le quotazioni si sono mantenute per tutta la giornata all’interno di uno stretto trading range compreso tra i livelli 40,50 e 40,97, andando a chiudere sul finale a quota 40,71.

Dopo il minimo toccato lo scorso 29 novembre sul livello 34,45, l’azione ha intrapreso un andamento fortemente rialzista che l’ha portata a realizzare il proprio massimo storico a quota 42,04 euro (2 gennaio). Da quel momento i corsi hanno cominciato a ritracciare leggermente fino a raggiungere il supporto presente in area 40, sostenuti anche dalla positività rappresentata dal vicino indicatore Supertrend. Nel corso di questo mese, infatti, il movimento è stato assolutamente laterale con una perdurante congestione che non riesce a superare il livello 41,55. Da qui l’incertezza degli operatori che, con il pattern di analisi candlestick “Doji” formatosi ieri, non trovano sufficienti motivazioni né per riprendere con gli acquisti e battere nuovi record, né alleggerire il proprio portafoglio considerando gli ottimi fondamentali della società.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 40,97 con target nell’intorno dei 42,04 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 40,50 con obiettivo molto vicino al livello 39,45. L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sotto sia dell’indicatore Parabolic Sar che della media mobile a 25. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’oscillatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 56.


L’andamento di breve termine del titolo PRYSMIAN

AUTORE

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *