Pagamento pensioni ottobre 2022: calendario e aumenti - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Pagamento pensioni ottobre 2022: calendario e aumenti

Donna mostra smartphone ad anziana

“Quando pagheranno la pensione questo mese?”

È la domanda che molti cittadini italiani si pongono con cadenza mensile, in attesa di ricevere la retribuzione da parte dell’INPS – e, a ottobre 2022, hanno delle ragioni in più per farlo. Il pagamento delle pensioni di questo mese presenta infatti alcune caratteristiche diverse rispetto agli altri. Innanzitutto, il primo giorno di erogazione cade di sabato (1° ottobre), con i conseguenti “ritardi” per chi ha scelto l’addebito bancario e dovrà attendere il primo giorno bancabile del mese (3 ottobre) per riceverla. In secondo luogo, l’aumento pensionistico inizialmente previsto per gennaio 2023 è stato anticipato, e chi ne ha diritto otterrà fino al 2% in più rispetto al normale trattamento lordo.

Vediamo quindi nel dettaglio i giorni di arrivo della pensione di ottobre 2022 nelle sue diverse modalità di riscossione e cosa comportano i ricalcoli degli importi emessi.

 

La riscossione della pensione presso Poste Italiane

Coloro che hanno scelto di ritirare la propria pensione in contanti presso gli sportelli Poste Italiane, questo ottobre potranno farlo dal 1° al 7° giorno del mese, secondo il criterio “alfabetico” già adottato durante la pandemia. Questo il calendario:

 

  • sabato 1° ottobre (solo al mattino): cognomi dalla A alla B;
  • lunedì 3 ottobre: cognomi dalla C alla D;
  • martedì 4 ottobre: cognomi dalla E alla K;
  • mercoledì 5 ottobre: cognomi dalla L alla O;
  • giovedì 6 ottobre: cognomi dalla P alla R;
  • venerdì 7 ottobre: cognomi dalla S alla Z.

 

A differenza di quanto avvenuto durante il picco dell’emergenza Coronavirus, queste indicazioni non hanno più valenza tassativa. Tuttavia, nel limite del possibile, si consiglia di continuare a rispettarle per evitare di creare assembramenti, e di conseguenza disagi e disservizi per gli altri utenti.

Per sottrarsi da lunghe code agli sportelli, sempre dal 1° ottobre, la pensione si potrà ritirare in contanti presso tutti gli ATM Postamat a condizione di essere:

 

  • titolari di un Libretto di Risparmio
  • oppure titolari di un conto BancoPosta
  • oppure titolari di una carta PostePay Evolution.

 

Il pagamento pensioni di ottobre 2022 su conto corrente

Come anticipato più sopra, chi ha deciso di ricevere la pensione INPS in banca, tramite un accredito sul proprio corrente, dovrà attendere il primo giorno bancabile del mese per riceverlo. L’assegno previdenziale sarà erogato a queste categorie a partire da lunedì 3 ottobre.

 

A chi spettano gli aumenti delle pensioni di ottobre 2022

Il decreto Aiuti Bis aveva stabilito un adeguamento all’inflazione delle pensioni che doveva verificarsi a gennaio 2023. Vista anche la crisi energetica in atto, il Governo ha deciso di anticipare la rivalutazione delle pensioni, che verrà applicata da ottobre a dicembre 2022 (tredicesima compresa), con un aumento calcolato per fasce di reddito.

Ad avere diritto alla rivalutazione della propria pensione sono coloro che percepiscono redditi annuali inferiori a 35 mila euro e ricevono un assegno di pensione fino a 4 volte il trattamento minimo (che ammonta a 524,35 euro). Più nel dettaglio, la rivalutazione pensionistica di ottobre sarà pari al:

 

  • 75% dell’inflazione per gli importi oltre 5 volte il trattamento minimo (2.621,75 euro);
  • 90% dell’inflazione per gli importi tra 4 e 5 volte il trattamento minimo (tra 2.097,40 e 2621,75 euro);
  • 100% dell’inflazione per gli importi fino a 4 volte il trattamento minimo (2.097,40 euro).

 

In ogni caso l’incremento anti-inflazione, pari al 2% del normale trattamento pensionistico, sarà riconosciuto qualora il cittadino riceva una pensione mensile complessivamente pari o inferiore a 2.692 euro. Oltre questa cifra, la rivalutazione non verrà applicata nemmeno con la riduzione al 75% dell’inflazione.

 

 

Le novità non terminano qui. Il mese di novembre 2022 vedrà le pensioni degli aventi diritto arricchirsi di un bonus una tantum di 150 euro e un ulteriore aumento dello 0,2% lordo grazie a un anticipo del conguaglio della perequazione 2021. Una nuova rivalutazione delle pensioni è invece prevista per gennaio 2023.

 

Come sapere quanto si prenderà di pensione a ottobre

Sul proprio sito, l'INPS ha messo a disposizione un'anteprima del pagamento del cedolino di ottobre, così da rendere più chiaro ai pensionati la cifra che percepiranno questo mese, senza doversi perdere in calcoli non sempre facili da applicare. Per consultarlo è necessario recarsi sul portale https://www.inps.it/ e accedervi con le proprie credenziali digitali (SPID, CIE o CNS).  Bisognerà poi entrare nella sezione "MyInps", cliccare su "Prestazioni e Servizi" e infine sulla voce "Cedolino pensione e servizi collegati". In quest'ultima pagina si troveranno anche tutti i bonus che spettano all'utente e, se necessario, si potranno modificare i dati per l'accredito della pensione.

 

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *