Salvatore Ferragamo: primo semestre oltre attese, cosa fare in Borsa?
Cerca
Close this search box.

Salvatore Ferragamo: primo semestre oltre attese, cosa fare in Borsa?

Salvatore Ferragamo: primo semestre oltre attese, cosa fare in Borsa?

Salvatore Ferragamo batte l’incertezza geopolitica e archivia un primo semestre oltre le aspettative degli analisti. I risultati già pubblicati il mese scorso hanno dimostrato la solidità del brand in termini di profittabilità. Tuttavia, secondo Bestinver Securities, il prossimo futuro della casa di moda non è privo di rischi.

Equita Sim vede in Salvatore Ferragamo un’interessante opportunità di rilancio. Equita Sim ha definito il titolo “un’interessante opportunità di rilancio”, citando la solidità del brand e la resilienza del management. Nei primi sei mesi dell’anno, la casa di moda ha registrato una crescita diffusa in tutte le aree geografiche, in particolare in Europa e in Giappone, dove i ricavi hanno accelerato nel secondo trimestre. Controcorrente la regione Apac, dove le nuove restrizioni in Cina hanno causato una contrazione del fatturato (-8% nel primo semestre e -13% nel secondo trimestre a cambi costanti). Negli ultimi tre mesi, l’utile netto si è attestato a un soffio da 48 milioni di euro, battendo le stime della Sim e di Bestinver Securities, che vedevano il dato, rispettivamente, a 36,2 e 33 milioni. Secondo Equita, il risultato netto dovrebbe così attestarsi a 69 milioni quest’anno, per poi scendere a 49 milioni l’anno successivo. Più caute le aspettative di Banca Akros, che vede il dato raggiungere 58 milioni entro l’anno e 47 milioni nel 2023.

Agenda piena per il prossimo autunno. Dopo un solido giro di boa, Salvatore Ferragamo ha confermato la crescita anche ad agosto. I dati condivisi con gli analisti durante la conference call mostrano un’ottima partenza per il terzo trimestre, anche in Cina, dove però i risultati restano leggermente negativi. Inoltre, l’agenda del gruppo è già colma di appuntamenti per l’autunno 2022, come la prima sfilata del nuovo designer in programma per fine settembre, il lancio delle nuove capsule a novembre e l’avvio dell’accordo con la piattaforma Farfetch volto a potenziare la presenza digitale del marchio. Tuttavia, per Banca Akros l’intesa sosterrà i ricavi del gruppo solo dal primo trimestre del 2023.

Pesano l’incertezza sulla Cina e l’aumento delle spese operative. Ma gli analisti di Bestinver restano preoccupati che la situazione in Cina possa ulteriormente rallentare i risultati di Ferragamo nel prossimo trimestre. Altri players del settore hanno già evidenziato i rischi che corrono per la loro esposizione al Paese del Dragone e Ferragamo potrebbe soffrire più di altri a causa dei valori già in contrazione. Inoltre, Bestinver ha evidenziato come i nuovi piani di investimento rischino di compromettere la capacità della casa di moda di raggiungere l’obiettivo sull’ebit margin annuale, ovvero pari al 12,5% dello scorso anno. A tal proposito, durante la conference call il management ha menzionato un aumento delle spese operative nei prossimi mesi che, inevitabilmente, deterioreranno il margine operativo netto nella seconda metà dell’anno.

I giudizi. Nonostante gli ottimi risultati finanziari, gli analisti di Bestinver non vedono “spazio per aumentare le stime” e mantengono una visione cauta sul titolo, confermando il rating hold e il prezzo obiettivo tra 16,5 e 17,5 euro. Anche Equita e Banca Akros ribadiscono il target price, rispettivamente, a 20 e 17,3 euro, e la raccomandazione buy e accumulate.

 

Salvatore Ferragamo: target ribassisti raggiunti, dopo crollo prezzi è ancora presto per comperare

Il titolo Salvatore Ferragamo è decisamente impostato al ribasso nel breve termine, anche grazie alla performance molto negativa registrata nella seduta di venerdì (-2,99%). Dopo un’apertura in gap down (rimasto aperto sul livello 14,65), infatti, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente ribassista che le ha portate a realizzare un minimo a quota 14,14, per poi tentare un timido rimbalzo nel corso del pomeriggio andando a chiudere a 14,29 euro.
La discesa delle quotazioni iniziata a metà agosto, dopo il massimo a 18,20 del giorno 11, è stata molto violenta e costante. Non vi sono mai stati neppure dei fisiologici rimbalzi temporanei. Però, in compenso, tale caduta ha permesso all’azione di raggiungere rapidamente il principale e più lontano dei target ribassisti, ossia l’area nell’intorno di quota 14 euro, supporto rappresentato dai minimi toccati in maggio, giugno e luglio.

Ecco, pensare che questo livello possa essere violato con la stessa forza negativa delle ultime settimane è difficile da credere. Più probabile, quindi, pensare ad un rimbalzo, almeno di corto respiro. Prima di cavalcarlo, comunque, è meglio attendere un più concreto segnale di inversione come un pattern rialzista, qualche giornata positiva o un indicatore RSI superiore a 30.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 14,62 con target nell’intorno dei 15,15 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 14,14 con obiettivo molto vicino al livello 13,61. L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati ribassisti a fine agosto. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “ipervenduto” vicino al livello 25.

 


L’andamento di breve termine del titolo SALVATORE FERRAGAMO

AUTORE

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *