Archivio articoli sulle Azioni europee - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni europee

Le azioni europee sono i titoli rappresentativi di quote del capitale di società quotate sulle Borse europee. Sono sottoposte alle autorità di supervisione e controllo dei mercati attive nei singoli paesi, oltre che a livello europeo. In Italia questa autorità è la Consob, la Commissione di controllo per le società e la Borsa.

Nella sezione dedicata alle azioni europee di Borsa & Finanza confluiscono tutte le notizie che riguardano i titoli in questione, le analisi dei professionisti del risparmio e dei trader.

Le azioni distribuiscono rendimento sia mediante il pagamento di dividendi periodici, sia attraverso l’eventuale rivalutazione in Borsa tra il momento in cui vengono riacquistate e il momento in cui vengono vendute. La tassazione di questi proventi è differente nei vari paesi dell’Unione.

In Italia la tassazione dei dividendi, considerati redditi finanziari, è pari al 26%, così come quella applicata ai capital gain e ai guadagni derivanti da buyback azionari.

I Magnifici Sette europei: ecco chi potrebbero essere
Asset Class

I Magnifici Sette europei: ecco chi potrebbero essere

Da diverso tempo si discute su chi possano essere nel mercato europeo gli equivalenti dei Magnifici Sette di Wall Street, termine è coniato lo scorso anno dall’analista di Bank of

In questa foto di Ank Kumar, tratta da Wikimedia Commons, l'interno della Borsa di Francoforte, con i box rotodni all'interno del quale si muovono gli specialist che comprano e vendono azioni quotate
Analisi dei gestori

Dividendi società europee: attesi in crescita nel 2024

I dividendi sono uno stabilizzatore dei rendimenti di portafoglio e negli ultimi anni sono stati caratterizzati da un trend di crescita che si è interrotto solo nel 2020 a causa

Azioni europee: ecco perché saliranno nel 2024
Asset Class

Azioni europee: ecco perché saliranno nel 2024

Le azioni europee saliranno nel 2024. Secondo un sondaggio realizzato da Reuters tra il 10 e il 20 novembre, i gestori di fondi e gli strateghi azionari pensano che i