Tesla: è nato il primo ETF che protegge dalle perdite azionarie - Borsa e Finanza

Tesla: è nato il primo ETF che protegge dalle perdite azionarie

Tesla: è nato il primo ETF che protegge dalle perdite azionarie

Si chiama Innovator Hedged TSLA Strategy ETF, il primo fondo attivo che è stato costruito per coprirsi dalle oscillazioni del titolo Tesla. Quest’anno a Wall Street il produttore di auto elettriche ha conosciuto un’altissima volatilità in Borsa, con le azioni che hanno perso circa il 20%. Questo a causa di molteplici vicissitudini che hanno interessato la società, a partire dai vincoli alla catena di approvvigionamento e proseguendo con le interruzioni della produzione nella fabbrica di Shanghai a causa dei blocchi Covid in Cina. Tutto ciò in un contesto in cui i titoli tecnologici sono stati fortemente sotto pressione a causa della politica molto aggressiva da parte della Federal Reserve, che ha portato quest’anno già a quattro rialzi dei tassi d’interesse. 

Per ovviare a molte di queste problematiche è nato quindi il primo ETF azionario risk managed, prodotto da Innovator Capital Management. Nel suo primo giorno di negoziazione ha realizzato un volume di 795.000 dollari. Bruce Bond, co-fondatore e Amministratore Delegato di Innovator, ha affermato che “l’ETF ha il potenziale per avere grande successo, ma ovviamente prima andrebbe testato”. L’obiettivo dichiarato è quello di raccogliere 500 milioni di dollari.

 

Tesla: ecco come funziona l’ETF a protezione delle azioni

L’Innovator Hedged TSLA Strategy ETF limiterà le potenziali perdite al 10% a trimestre, con il tetto per il contratto iniziale fino alla fine di settembre al 9,29%. Il fondo investirà il 90% delle attività in T-Note USA a 3 mesi, che forniscono una base di rendimento e utilizzano opzioni call per impostare il limite, che varia ogni trimestre a seconda delle condizioni di mercato. Le commissioni sono dello 0,79% annuo. 

Bond ha affermato che per alcuni di titoli ad alto Beta come Tesla, la preoccupazione è che ci possa essere un’oscillazione davvero grande, per questo le persone chiedono protezione contro un enorme downdraft. Al riguardo, il CEO di Innovator ha osservato come nel secondo trimestre le azioni di Palo Alto siano scese del 38%, risultando all’11esimo posto tra i titoli più volatili dell’S&P 500.

 

Innovator Hedged TSLA Strategy ETF: le opinioni

Gli analisti sono divisi sull’efficacia di questo strumento di protezione. Todd Rosenbluth, responsabile della ricerca di VettaFi, ha affermato che Tesla è uno dei titoli più volatili sul mercato azionario statunitense e questo prodotto consentirà alle persone di ottenere un’esposizione a una società ad alta crescita, ma con una protezione al ribasso. Tale protezione per l’investitore arriva attraverso una gestione del rischio senza che debba farlo da solo, sottolinea l’esperto.

Meno convinto risulta essere Kenneth Lamont, analista senior di fondi per le strategie passive di Morningstar. A suo giudizio, Tesla ha un potenziale di crescita stellare, quindi “perché bisogna sacrificare questo aspetto? Se vuoi meno rischi, metti Tesla in un portafoglio ben diversificato. Puoi farlo da solo senza pagare 80 punti base di commissione”, sottolinea Lamont. In realtà, l’alternativa al pagamento di una commissione così alta sarebbe detenere il titolo Tesla e venderlo nel momento in cui le perdite raggiungono il limite massimo sopportabile da un investitore. Chiaramente in questo impatta però l’aspetto della gestione del rischio da adottare personalmente impiegando tempo ed energie mentali.

 

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.