Tessera sanitaria smarrita: cosa fare e a chi rivolgersi - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Tessera sanitaria smarrita: cosa fare e a chi rivolgersi

Un cittadino con tessera sanitaria e carta d'identità

Cosa fare e come comportarsi in caso di tessera sanitaria smarrita? È un quesito che assilla molte persone, specie chi per età, per accumulo di impegni o per distrazione perde questo documento importante e ne ha assoluta necessità per ritirare farmaci, prenotare esami, visite specialistiche e così via. Prima di vedere che pratica attivare e a chi rivolgersi per riavere la tessera classica o la CNS, non possiamo che consigliare di guardare meglio nel posto dove dovrebbe essere (con tutta probabilità il portafogli) e ripercorrere mentalmente e fisicamente l’ultima volta che è stata utilizzata.

 

Tessera sanitaria smarrita? Ecco cosa fare

La tessera è in possesso di tutti i cittadini iscritti e tutte le cittadine iscritte al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) e ha sostituito il tesserino plastificato del codice fiscale. Ha una validità di sei anni e la sua emissione è gratuita. Viene consegnata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze in collaborazione con l’Agenzia delle Entrate. A partire dal 2011, è subentrata la TS-CNS, la tessera sanitaria e Carta Nazionale dei Servizi dotata di microchip che può essere utilizzata come strumento di autenticazione per accedere ai servizi online della PA.

In caso di smarrimento, furto e deterioramento della tessera sanitaria, è possibile richiederne una nuova. La richiesta può essere fatta in tre modi:

 

  • via Internet, andando sul sito dell’Agenzia delle Entrate;
  • presentandosi di persona alla propria ASL di riferimento;
  • andando, sempre di persona, ad un qualunque ufficio dell’Agenzia delle Entrate.

 

Se si decide di presentarsi di persona all’ASL o ad un ufficio dell’Agenzia delle Entrare, occorre portare con sé un documento d’identità in corso di validità: la carta d’identità, la patente di guida o il passaporto. Qualora si decida di procedere online sul portale delle Entrate, bisogna accedere al servizio di richiesta duplicato della tessera sanitaria, indicando il codice fiscale o, in alternativa, i dati anagrafici completi. Per motivi di sicurezza, è richiesto l’inserimento di alcune informazioni relative all’ultima dichiarazione dei redditi presentata. Chi ha smarrito la CNS con microchip, deve richiedere la nuova carta tramite l’area riservata dell’AdE, dove accedere con SPID, CIE o i dati della CNS persa.

 

La differenza è nel chip

I servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate forniscono una nuova tessera sanitaria a seconda delle caratteristiche di quella rubata o smarrita, ovvero con o senza chip. La TS-CNS, infatti, permette di accedere ai servizi online di enti e amministrazioni pubbliche e contiene il certificato di autenticazione in grado di identificare univocamente il titolare. Un elemento che la equipara a tutti gli effetti ad una firma elettronica.

In base alle caratteristiche del richiedente in qualità di iscritto al SSN, il sistema STS produce:

 

  • una tessera sanitaria senza chip, se l’intestatario ha un’assistenza al SSN per meno di sei mesi;
  • una CNS con chip, se l’intestatario ha un’assistenza al SSN per più di sei mesi;
  • un codice fiscale, se l’intestatario ha perso il requisito di assistenza al SSN.

 

A causa della crisi globale dei semiconduttori, l’amministrazione pubblica emette principalmente tessere sanitarie del vecchio tipo in sostituzione di quelle perse o rubate oppure, in attesa che i postumi di questa lunga e intensa perturbazione siano superati definitivamente, concede una proroga di validità a quelle in scadenza.

L’Agenzia delle Entrate permette di visualizzare e stampare una copia dell’ultima tessera sanitaria in corso di validità accedendo all’area riservata del portale TS, sempre con SPID, CIE o i dati della CNS. In media, il numero della nuova tessera è disponibile sul portale entro 24/48 ore. La tessera fisica, invece, viene spedita entro pochi giorni lavorativi all’indirizzo di residenza. Nel caso di richiesta di una nuova tessera sanitaria, la persona interessata può procedere alla domanda anche tramite delega: basta che la persona delegata esibisca un documento d’identità personale in corso di validità e una copia del documento d’identità del richiedente.

Naturalmente, a scopo cautelativo, è sempre meglio presentare una denuncia di furto o smarrimento della carta alle autorità competenti. Per la tessera sanitaria scaduta, viceversa, non occorre fare nulla: prima della scadenza, a chi ha l’assistenza sanitaria attiva viene automaticamente prodotta e spedita una nuova tessera. Se, alla scadenza, la nuova tessera non è stata ancora recapitata, allora è necessario rivolgersi alla propria ASL o ad un ufficio dell’Agenzia delle Entrate.

Per qualsiasi necessità, il sistema STS ha attivato un numero verde, raggiungibile all’800 030 070 ogni giorno dal lunedì al sabato dalle 8 alle 20. In alternativa, ci sono l’e-mail gestionets@sogei.it e il call center dell’INPS al numero 803 164, ma dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 14, con servizio automatico in funzione 24 ore al giorno inclusi i festivi.

AUTORE

Picture of Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *