Three Arrows: congelati i beni dell'hedge fund, i co-fondatori spariscono

Three Arrows: congelati i beni dell’hedge fund, i co-fondatori spariscono

Three Arrows: congelati i beni dell'hedge fund, i co-fondatori spariscono

Il Tribunale fallimentare di New York ha congelato le attività rimanenti di Three Arrows Capital. L’hedge fund crittografico caduto in disgrazia a seguito del crollo delle criptovalute che ha impedito il rimborso dei prestiti ottenuti, era stato messo in liquidazione dal Tribunale delle Isole Vergini britanniche per ripagare i debiti in corso. Ora, il giudice di New York, Martin Glenn, ha effettuato una deposizione scritta nella quale osserva che solo i liquidatori fallimentari assegnati hanno l’autorità di trasferire, gravare o altrimenti disporre di ogni bene del debitore che si trova all’interno del territorio degli Stati Uniti.

Al liquidatore, nella figura della società di consulenza Teneo, è stato dato il permesso inoltre di citare in giudizio i co-fondatori dell’azienda Zhu Su e Kyle Davies, nonché banche, exchange e altre istituzioni che hanno fatto affari con l’hedge fund. Tutto questo per evitare che il team di Three Arrows possa sottrarre in qualche modo fondi prima dell’avvio della liquidazione formale.

Infatti, giungono voci che Zhu Su stia cercando di vendere le sue proprietà a Singapore che valgono circa 35 milioni di dollari e che vi siano trasferimenti di risorse digitali di NFT detenute dal fondo. I legali di Teseo hanno affermato che sono i liquidatori a controllare i beni del debitore in questa fase, quindi la mozione del giudice serve proprio a fissare questo punto.

 

Three Arrows: dove sono finiti i co-fondatori?

La situazione si fa quindi sempre più tesa. E l’atteggiamento dei liquidatori e dei creditori inferociti che vogliono indietro i loro soldi è divenuto aggressivo soprattutto perché al momento la posizione fisica dei due co-fondatori è sconosciuta, stando alle dichiarazioni dei legali che rappresentano i creditori. Inoltre, in base ai documenti depositati venerdì della scorsa settimana, Zhu Su e Kyle Davis non hanno iniziato a collaborare veramente. Zhu ieri ha rotto il silenzio su Twitter che durava da un mese (QUI il suo account), condividendo lo screen di e-mail dove vengono riportate minacce di violenza fisica alle famiglie dei fondatori di Three Arrows. Il loro avvocato ha detto di aver allegato un foglio di calcolo in un’e-mail nel quale vengono fornite informazioni sulle attività dell’azienda, ma la controparte ha ribadito che tali informazioni non rappresentino una forma sufficiente di cooperazione.

 

Un episodio inquietante è successo alcuni giorni prima quando i liquidatori sono piombati nell’ufficio di Singapore dell’azienda nella speranza di incontrare i co-fondatori, ma quello che hanno trovato sono stati uffici vuoti ad eccezione di un serie di schermi di computer inattivi. I vicini avevano riferito che l’ultima volta ad aver visto persone negli uffici risale agli inizi di giugno.

Teneo ha affermato che esiste un rischio reale che i beni di Three Arrows scompaiano, anche perché una parte importante di tali beni sono costituiti da contanti e risorse digitali come criptovalute e token non fungibili. Per questo, i creditori avevano chiesto al Tribunale di sospendere il diritto dell’hedge fund di trasferire o disporre di qualsiasi bene, oltre che a citare in giudizio i fondatori o altre persone che potrebbero fornire informazioni sulle attività di Three Arrows. A quanto pare, quindi, tali istanze sono state accolte. Secondo Nic Carter di Castle Island Ventures, venture capitalist che investe in società basate sulla blockchain, la situazione è molto complessa perché coinvolge parecchie località offshore come Dubai, Singapore e altre. Di conseguenza, il processo potrebbe richiedere anni.

 

AUTORE

Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.