Trump affossa Piazza Affari e l'Europa. Italia, produzione industriale -1,2%

TRUMP AFFOSSA MILANO. PRODUZIONE INDUSTRIALE -1,2%

piazza affari

Salvini: urne senza accordo sulla giustizia. Spread a 208

Effetto Trump sulle borse europee. Ed effetto Salvini sullo spread. La nuova minaccia del presidente Usa di ulteriori dazi sulla Cina fa sprofondare i mercati, tutti negativi. Quella del vicepremier di tornare alle elezioni nel caso in cui non si dovesse sbloccare l’impasse sul ddl delle Giustizia invece porta il differenziale Btp Bund a 208, il massimo dal 10 luglio scorso. Dopo un’ora di contrattazioni, Piazza Affari perde oltre il 2% e deve incassare anche gli aggiornamenti dell’Istat sulla produzione industriale: -1,2% su base annuale a giugno. Il valore è superiore a quello stimato dagli analisti (-2,1%) ma peggiore di quello registrato a maggio: -0,6%. E’ il quarto dato negativo consecutivo.

TITOLI MIGLIORI
Nessun titolo positivo del paniere principale.

TITOLI PEGGIORI

Stm -4,43%
E’ uno dei titoli destinati storicamente a subire le maggiori perdite quando Cina e Stati Uniti si allontanano, dato che il braccio di ferro commerciale si basa soprattutto sul settore tecnologico.

Cnh Industrial -4,19%
Ai minimi dal 18 giugno scorso. Prese di beneficio dopo la buona performance di ieri in scia ai conti semestrali.

Fca -3,1%
Titolo in sofferenza dopo i dati negativi che riguardano il mercato dell’auto: a luglio 34.020 immatricolazioni, -19,37% rispetto allo stesso mese del 2018.

ANALISI FTSE MIB
i 21.060 punti raggiunti in mattinata sono già il minimo dal 20 giugno scorso. Piazza Affari soffre come il resto dei listini europei la nuova minaccia di Donald Trump, capace di scuotere i mercati con un tweet, quello in cui minaccia nuovi dazi alla Cina dopo che le trattative riaperte e Shanghai sulla guerra commerciale non hanno dato gli esiti da lui sperati. E’ l’intero mercato a reagire al ribasso, vedi il prezzo del petrolio, l’oro risalito a 1.440 dollari l’oncia e il Bund decennale tedesco, vicino a un rendimento pari a -0,5%. Rotti i supporti a 21.116 che avevamo segnalato ieri, prossimo target a quota 20.653. Trend ribassista di breve periodo ormai ben avviato.

SPREAD
Per la seconda volta in una settimana, la Lega minaccia la rottura dell’alleanza con il M5S. Martedì scorso il Carroccio ha parlato di governo a rischio se non dovesse passare la flat tax. Oggi, in un’intervista al Corriere della Sera, Matteo Salvini allude a un ritorno alle urne se non si dovesse sbloccare il ddl Giustizia. E così, lo spread apre a 201 e cresce fino a 208 punti. Il rendimento del Btp decennale invece si attesta sull’1,59%. 

Post correlati

Coinbase: Cathie Wood non perde la fiducia e accumula azioni

Calpers: ecco cosa ha comprato e venduto il più grande fondo pensione USA

McDonald’s lascia la Russia: a Wall Street cosa fare con titolo?

Space economy: ecco 4 azioni su cui puntare

Grano: l’India vieta l’export e i prezzi salgono al massimo da 2 mesi

Lascia un commento