Twitter: Elon Musk annuncia il nuovo CEO, cosa significa per Tesla? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Twitter: Elon Musk annuncia il nuovo CEO, cosa significa per Tesla?

Twitter: Elon Musk annuncia il nuovo CEO, cosa significa per Tesla?
Elon Musk ha trovato un nuovo amministratore delegato per Twitter. L’annuncio è stato dato dal miliardario imprenditore attraverso un tweet, sebbene non abbia ancora rivelato il nome della persona che andrà al timone del social network. Musk ha indicato una tempistica di sei settimane perché il nuovo CEO inizi l’attività, mentre il capo di Tesla passerà al ruolo di presidente esecutivo e chief technology officer, con il compito di supervisionare le operazioni di prodotto, software e sistema.

Musk quindi dà seguito a quanto aveva detto a dicembre, ovvero che si sarebbe fatto da parte nel momento in cui avesse trovato qualcuno disposto a ricoprire la carica di nuovo amministratore di Twitter. Quella comunicazione era arrivata appena due mesi dopo la data in cui l’enfant prodige aveva assunto la guida nella società dopo aver completato l’acquisto di 44 miliardi di dollari e licenziato l’allora CEO Parag Agrawal e metà del suo staff. Contestualmente, Musk aveva avviato un sondaggio su Twitter a dicembre, chiedendo ai follower se ritenevano giusto che rassegnasse le sue dimissioni da amministratore delegato della società di San Francisco. Nell’occasione, il 57,5% degli utenti aveva votato per le dimissioni.

Twitter: chi sarà il sostituto di Elon Musk?

Dall’annuncio di Musk, si sono immediatamente attivate le speculazioni nei media e nei social per chi dovesse rimpiazzare il 51enne sudafricano al comando di Twitter. Si sono fatti i nomi dell’ex CEO di Yahoo Marissa Mayer, dell’ex CEO di YouTube Susan Wojcicki e di un alto dirigente della startup di chip cerebrali Neuralink, creata proprio da Elon Musk, Shivon Zilis. Tuttavia, alcuni illustri quotidiani come il Wall Street Journal e Reuters hanno indicato in Linda Yaccarino, responsabile della pubblicità e delle partnership del colosso dei media NBCUniversal, la personalità più accreditata.
Secondo le indiscrezioni, il candidato CEO sarebbe in trattative avanzate con Musk per decidere se accettare o meno l’incarico. Tra l’altro, un indizio molto forte l’ha dato proprio Musk quando nel tweet ha scritto “She will be starting..”, parlando al femminile. Yaccarino è entrata in NBCUniversal nel 2011 e gestisce un impero da 70 miliardi di dollari, guidando un team di oltre 2 mila persone che finora ha generato qualcosa come più di 100 miliardi di dollari di vendite pubblicitarie. Il suo pedigree si incastra perfettamente quindi con ciò che sta cercando Elon Musk, che ha detto di voler “monetizzare il suo nuovo acquisto”. Tra l’altro, Yaccarino ha espresso sempre attestati di stima verso l’etica del lavoro di Musk, incoraggiando il pubblico ad accoglierlo con accorati applausi in occasione di un’intervista che gli ha rivolto in una conferenza pubblicitaria a Miami ad aprile di quest’anno.

Cosa significa per Tesla?

L’abbandono di Elon Musk dal ruolo di CEO di Twitter potrebbe avere un grande significato per Tesla. Infatti, il tweet del top manager è arrivato a un quarto d’ora dalla fine delle contrattazioni di Wall Street di ieri sera, giusto in tempo per far balzare le azioni Tesla a un guadagno del 2,10%. L’impatto dell’acquisto della piattaforma social lo scorso anno è stato traumatico per il titolo della casa automobilistica, per due ragioni. In primis perché Musk ha dovuto vendere buona parte del pacchetto di azioni Tesla per finanziare l’operazione Twitter. In secondo luogo in quanto gli investitori hanno subito percepito che l’impegno in Twitter avrebbe distratto Musk dalla guida di Palo Alto. Nel 2022 in fatti le azioni Tesla hanno bruciato quasi due terzi di capitalizzazione, prima di riprendersi parzialmente quest’anno. Quindi la notizia delle future dimissioni non può che regalare un sorriso agli azionisti del produttore di auto elettriche e agli investitori che intendono mettere denaro nella compagnia.
“L’ancora della barca chiamata Twitter è allentata dalla caviglia di Musk. Ora può tornare a dedicare più tempo alla creazione di valore in Tesla”, ha dichiarato Craig Irwin, analista di Roth MKM. Secondo co-fondatore del Future Fund Active ETF, nonché azionista di Tesla, Gary Black, la decisione di Musk potrebbe valere dal 3% al 5%, o circa da 5 a 9 dollari per azione, per il titolo Tesla nel breve periodo. “Fantastico! Ottimo per gli azionisti di Tesla e ottimo per Twitter”, ha detto, aggiungendo che “mancano ancora sei settimane e significa che Twitter deve fare molto meglio”. Dan Ives, analista di Wedbush è stato ancora più ottimista, affermando che la decisione potrebbe alla fine valere da 15 a 20 dollari per azione. “È fondamentale per le azioni Tesla sul rischio di distrazione”, ha detto Ives, che ora valuta le azioni Tesla un Buy, con obiettivo di prezzo di 215 dollari.

AUTORE

Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *