Unipol: utile netto in crescita e dividendo a 0,37 euro, cosa fare con l’azione? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Unipol: utile netto in crescita e dividendo a 0,37 euro, cosa fare con l’azione?

Il quartier generale di Unpol a Bologna

Unipol Gruppo ha distribuito valore per 12,5 miliardi di euro nel 2022, in linea con il dato del 2021, di cui 8 miliardi di euro di indennizzi agli assicurati e 4,5 miliardi di euro distribuiti agli altri stakeholder: azionisti, agenti e altri intermediari, fornitori, pubblica amministrazione, finanziatori, dipendenti e comunità. Inoltre, ha raggiunto con le proprie coperture welfare (vita e salute) 7,8 milioni di persone e sottoscritto polizze per 759 milioni di euro (+5% rispetto ai 722 milioni di euro del 2021). Il Gruppo ha così conseguito risultati in linea con gli obiettivi del Piano strategico 2022-2024, realizzando un risultato netto consolidato di 866 milioni di euro, rispetto ai 796 milioni di euro dell’anno precedente.

Al 31 dicembre 2022 la raccolta diretta assicurativa, al lordo delle cessioni in riassicurazione, si è attestata a 13.645 milioni di euro, in crescita (+2,4%) rispetto ai 13.329 milioni di euro al 31 dicembre 2021. La raccolta diretta danni, 8.304 milioni di euro, ha registrato una crescita (+4,5%), mentre nel settore vita il gruppo ha realizzato una raccolta diretta pari a 5.341 milioni di euro, sostanzialmente in linea (-0,8%) con i 5.386 milioni di euro registrati nell’esercizio 2021.

Sulla base di questi risultati il Consiglio di amministrazione ha approvato la proposta all’Assemblea dei soci di distribuire  un dividendo pari a 0,37 euro per azione, rispetto ai 0,30 euro per azione pagati 2021 (+23,3%), per un ammontare complessivo pari a circa 265 milioni di euro, superiore alle previsioni del Piano strategico. L’indice di solvibilità del Gruppo Unipol è pari a 2 volte i minimi regolamentari e si è attestato al 200% (214% al 31 dicembre 2021), pur avendo assorbito lo scomputo dei dividendi di cui si prevede la distribuzione.

 

Unipol: centrato target a 5 euro, le previsioni dell’analisi tecnica

Il titolo Unipol sembra essere impostato al rialzo nel breve termine, anche grazie alla performance positiva registrata nella seduta di ieri (+1,58%). Dopo un’apertura in gap up (rimasto aperto nell’intraday sul livello 4,914) le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente rialzista che le ha portate a realizzare un massimo sul livello 4,998, per poi ritracciare leggermente sul finale andando a chiudere a quota 4,992.

Dopo la violenta discesa verificatasi nella prima metà di marzo, l’azione ha reagito prontamente con un vigoroso rimbalzo, tanto da poter essere individuata una netta configurazione a V indicante una generalizzata tendenza rialzista del mercato anche per l’immediato futuro. Tale positività è stata ulteriormente confermata proprio ieri con la presenza di un gap up (indicante forza) in contemporanea e il superamento dell’importante indicatore Supertrend che hanno permesso ai corsi di raggiungere la resistenza posta in area 5 euro.

Quindi, dato che questo ambizioso target è già stato ottenuto, prima che il trend prosegua è doveroso attendersi un consolidamento. Magari qualche giornata di ritracciamento (che non dovrebbe estendersi sotto l’area 4,850) per acquistare il titolo a prezzi più convenienti in previsione di un nuovo e altrettanto promettente allungo. Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al ritorno sul livello 4,850 con target nell’intorno dei 5 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 4,914 con obiettivo molto vicino al livello 4,715.

L’impostazione algoritmica, infatti, vede le quotazioni stazionare al di sopra sia dell’indicatore Parabolic Sar che della media mobile a 25, mentre anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 64.


L’andamento di breve termine del titolo UNIPOL

AUTORE

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *