Vontobel lancia 7 Memory Cash Collect su panieri settoriali di azioni - Borsa&Finanza

Vontobel lancia 7 Memory Cash Collect su panieri settoriali di azioni

Una mano che indica il cielo

Sono sette i nuovi certificati d’investimento Memory Cash Collect lanciati in quotazione sul mercato SeDeX di Borsa Italiana da Vontobel. I sottostanti sono panieri settoriali di azioni italiane ed estere caratterizzati dal funzionamento “worst of” che prende come riferimento l’azione sottostante con la performance peggiore rispetto al valore di iniziale. Tutti i certificati hanno una durata di due anni, salva la possibilità di scadere anticipatamente al verificarsi di determinate condizioni. I premi sono trimestrali e vanno dal 2,5%, pari al 10% annuo, al 3,5% (14% p.a.) con una soglia Bonus per il pagamento molto profonda, al 35% per tutti i certificati tranne che per il prodotto identificato dal codice ISIN DE000VU1GGM5 che ha una soglia al 40%. In ogni caso l’effetto memoria di cui sono dotati i Memory Cash Collect permette di recuperare i premi non incassati nel primo trimestre in cui si verifichino le condizioni per il pagamento.

“I basket settoriali consentono di ridurre i rischi di decorrelazione e l’esposizione alla volatilità. Inoltre, il Livello di Autocall decrescente fino al 90% rende più probabile il rimborso anticipato a partire dal sesto mese” ha commentato Jacopo Fiaschini, responsabile Flow Products Distribution Italia di Vontobel.

Oltre alla Soglia Bonus profonda e al Livello Autocall decrescente, un ulteriore vantaggio dei certificati Memory Cash Collect proposti da Vontobel è dato dalla Barriera capitale a scadenza. Anche questa, infatti, è molto profonda. È posizionata al 55% del valore iniziale delle azioni dei panieri, tranne che per il certificato con sottostanti Eni. Enel e Repsol che ha una Barriera a scadenza al 50%.

 

Le caratteristiche dei sottostanti

I sottostanti dei Memory Cash Collect lanciati da Vontobel sono costituiti da panieri di azioni settoriali, sia italiane che estere. I settori disponibili sono quello della moda, il petrolifero, il bancario, l’assicurativo, il comparto auto, le utility e i produttori minerari. Qui di seguito i componenti dei panieri dei certificati:

 

  •  DE000VU1GGN3 – Basket Lusso: Hermes, Kering, Richemont
  • DE000VU1GGM5 – Basket petrolifero: Eni, Repsol, Tenaris
  • DE000VU1GGX2 – Basket bancario: Banco BPM, Intesa Sanpaolo, Unicredit
  • DE000VU1GG46 – Basket assicurativo: Aegon, Axa, Prudential
  • DE000VU1GG38 – Basket automobile: Renault, Stellantis, Volkswagen
  • DE000VU1GG20 – Basket utilities: ENGIE, RWE, Veolia Environment
  • DE000VU1GG12 – Basket minerario: ArcelorMittal, Glencore, Rio Tinto

 

Il funzionamento dei certificati emessi da Vontobel

Dopo la rilevazione del valore iniziale dei sottostanti, effettuata il 9 gennaio 2023, la prima data importante che gli investitori devono segnare in agenda è quella del 6 aprile. In questa giornata, infatti, verrà rilevato il valore dei sottostanti per il pagamento del primo premio trimestrale previsto dei certificati. In particolare, se tutte le azioni che compongono il paniere hanno un valore superiore o pari alla soglia Bonus, gli investitori riceveranno il relativo pagamento. In caso contrario il certificato proseguirà fino all’osservazione trimestrale successiva. Il premio non pagato non viene perso ma, come detto, rimane in memoria.

A partire dalla seconda data di osservazione trimestrale, quella del 10 luglio 2023 e fino al 9 ottobre 2024, oltre alla possibilità di incassare il premio condizionato, si attiva anche il meccanismo autocallable che permette la scadenza anticipata del certificato. Nel caso in cui alle date di valutazione intermedia tutti i sottostanti quotino alla pari o sopra del Livello Autocall l’investitore riceverà il valore nominale del certificato (pari a 100 euro) più il premio relativo al periodo e gli eventuali premi in memoria.

Grazie alla presenza di un Autocall decrescente, con il passare del tempo diventa più semplice arrivare a una scadenza anticipata del certificato. In particolare, se in occasione delle prime due date di osservazione intermedia il livello Autocall è pari al 100% del valore iniziale dei sottostanti, nelle date di osservazione di gennaio e aprile 2024 si scenderà al 95% e in quelle di luglio e ottobre 2024 al 90%. La presenza del meccanismo Step-Down permette quindi di ottenere un ritorno positivo dall’investimento anche in caso di performance negative dei sottostanti.
Alla scadenza finale del 9 gennaio 2025 sono possibili tre scenari:

 

  1. Se tutti i sottostanti che compongono il paniere quotano a un valore pari o superiore alla Barriera Bonus viene restituito il valore nominale del certificato, il premio relativo al trimestre e i premi eventualmente non pagati nelle date di osservazione precedenti;
  2. Se la quotazione anche di un solo sottostante (il Worst of) è inferiore alla Barriera Bonus ma superiore alla Barriera capitale, non viene pagato alcun premio ma si ha diritto al rimborso del valore nominale;
  3. Infine, se il sottostante Worst of quota sotto la Barriera capitale viene restituito un importo commisurato alla performance di questo sottostante.

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *