ACEPI: entrano in 3, c’è anche Borsa Italiana - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

ACEPI: entrano in 3, c’è anche Borsa Italiana

Nella fotografia si vede una fila di persone sedute che prendono appunti

ACEPI, l’Associazione certificati e prodotti di investimento, chiude il 2023 con 3 importanti ingressi nella sua compagine associativa, quelli della banca inglese Barclays, del mercato multilaterale Spectrum Markets e del gestore dei mercati finanziari Borsa Italiana. Tre nomi importanti, il primo dei quali è una vecchia conoscenza del mondo dei certificati che già in passato è stata emittente attiva nel Belpaese.

“Il percorso di crescita della nostra Associazione continua e sono lieto di dare il benvenuto a tre nuovi importanti soci. La partecipazione di Barclays, un’importante banca internazionale che ritorna ad emettere in Italia, conferma lo stato di salute del nostro mercato e rafforza la nostra compagine associativa. L’adesione di Borsa Italiana e Spectrum Markets è motivo di soddisfazione, a conferma del ruolo di primo piano raggiunto da ACEPI nell’industria finanziaria. Il loro contributo rappresenta un punto di vista diverso da quello degli altri associati, come emittenti e distributori, per questo apporterà ulteriore valore ai progetti associativi per la diffusione della cultura e l’utilizzo consapevole dei certificati di investimento” ha commentato Nicola Francia, presidente di ACEPI.

 

Chi sono i 3 nuovi associati

Barclays è una banca molto antica le cui origini risalgono al 1690. Oggi è presente in oltre 50 Paesi con oltre 130.000 dipendenti. Guidata dal presidente Nigel Higgins e dall’amministratore delegato Jes Staley è strutturata in cinque divisioni operative. Nel 2016, dopo un rapido sviluppo, ha ceduto la sua rete di sportelli al CheBanca! Del gruppo Mediobanca. “L’ingresso in ACEPI testimonia l’impegno di Barclays ad essere uno dei protagonisti in Italia nel settore dei Certificati e Prodotti di Investimento. Vogliamo garantire la massima qualità per i nostri clienti e partner e favorire la crescita del settore” ha dichiarato Francesco De Santis, responsabile EQD Distribution Sales Italy.

Spectrum Markets è un MTF (multilateral trading facility) nato nel 2019 pensato per permettere a intermediari finanziari e operatori retail la negoziazione di securitised derivatives con un elevato grado di trasparenza, integrazione e apertura dei mercati finanziari. Spectrum Markets permette infatti un’operatività pan-europea 24 ore su 5 giorni alla settimana. Tra le innovazioni proposte le emissioni intraday e il trading simultaneo su unico ISIN. È sottoposto alle norme Mifid II e al controllo della BaFin.

“Unire le nostre forze con quelle di un’associazione di spicco come ACEPI rappresenta per Spectrum un passo molto importante, che testimonia il nostro impegno a incentivare la trasparenza, tutelare gli investitori individuali e difendere gli interessi del settore. Non vediamo l’ora di poter dare il nostro apporto, condividendo la nostra esperienza e le prospettive uniche che abbiamo acquisito attraverso la nostra rete di trading paneuropea. Parteciperemo attivamente a tre diverse commissioni e saremo in prima linea nel contribuire a plasmare il futuro del panorama dei securitised derivatives in Italia” ha spiegato Christophe Grosser, European sales director di Spectrum Markets.

Il terzo ingresso tra gli associati ACEPI e quello della società privata che gestisce e vigila sul corretto funzionamento del mercato finanziario italiano, ossia Borsa Italiana, dove vengono quotati anche i certificati su SeDeX e Cert-X di EuroTLX. Per Emanuele Grasso, Italy Securitised Derivatives Lead “L’adesione è un passaggio importante per avvicinare il mercato agli emittenti e agli altri stakeholder con i quali ci sentiamo sempre più partner nel collaborare insieme allo sviluppo del mercato. L’appartenenza al gruppo Euronext consentirà a Borsa Italiana di dare un contributo in termini di esperienza e conoscenze a vantaggio di tutti su molteplici tematiche di interesse comune”.

 

Cos’è e cosa fa ACEPI

ACEPI è l’Associazione italiana certificati e prodotti di investimento, nata nel 2016 con l’obiettivo di promuovere l’interesse e la conoscenza nei confronti dei certificati e prodotti di investimento e favorire lo sviluppo dei mercati. La sua fondazione segue l’esempio di altre iniziative di altri Paesi europei, come Svizzera e Germania, caratterizzate da un utilizzo e una diffusione dei certificati di più lunga data.

Alla fondazione di ACEPI hanno contribuito alcune tra le principali banche attive nel segmento dei certificati, come Deutsche Bank, RBS, Sal Oppenheim, ABN Amro e UBM. Oggi sono associati ACEPI, oltre ai tre nuovi ingressi, Banca Akros, Banca Cesare Ponti, BNP Paribas, Intesa Sanpaolo, Leonteq, Mediobanca, Société Générale, UniCredit, Vontobel in qualità di ordinari mentre sono soci aderenti Intermonte e IW Bank e soci onorari AIBE (Associazione italiana banche estere) e AIPB (Associazione italiana private banking).

Il Consiglio di amministrazione di ACEPI è presieduto, dal 2019, da Nicola Francia che dal gennaio 2023 è entrato a far parte della Direzione investimenti di UniCredit. Nel Cda siedono Alessandra Annoni (Intesa Sanpaolo – IMI), Leonardo De Benedetti (Banca Akros), Fabio De Zordo (UniCredit), Heiko Geiger (Vontobel), Nevia Gregorini (BNP Paribas CIB), Costanza Mannocchi (Société Générale SA), Andrea Mereta (Banca Cesare Ponti), Roberto Romeo (Mediobanca).

AUTORE

Picture of Alessandro Piu

Alessandro Piu

Giornalista, scrive di economia, finanza e risparmio dal 2004. Laureato in economia, ha lavorato dapprima per il sito Spystocks.com, poi per i portali del gruppo Brown Editore (finanza.com; finanzaonline.com; borse.it e wallstreetitalia.com). È stato caporedattore del mensile Wall Street Italia. Da giugno 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *