Azioni Banca MPS: conti 2023 record e ritorno al dividendo, cosa fare ora in Borsa? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Banca MPS: conti 2023 record e ritorno al dividendo, cosa fare ora in Borsa?

La sede di Banca MPS a Pisa. L'esterno del palazzo

A Piazza Affari nella terza seduta della settimana brillano le azioni Banca MPS, grazie ai risultati di bilancio 2023 comunicati prima dell’apertura dei mercati. Nello specifico l’istituto di Piazza Salimbeni ha chiuso il 2023 con un utile netto che passa da -178 milioni del 2022 a 2,052 miliardi di euro, grazie in particolar modo all’ultimo trimestre dell’anno con 1,123 miliardi di euro. Nel corso dell’anno passato il risultato operativo lordo ha registrato una crescita del 90% a 1,954 miliardi di euro, con ricavi in aumento del 21,7% a 3,797 miliardi di euro. Ottima la crescita del 49,3% per quanto riguarda il margine di interesse che si è attestato a 2,292 miliardi di euro, in scia alla buona performance dello spread commerciale.

Nel corso del quarto trimestre i ricavi sono ammontati a 993 milioni di euro, in crescita del 4,1% rispetto al trimestre precedente, trainati dalle commissioni nette a fronte di un margine di interesse rimasto stabile rispetto al trimestre precedente. Bene le commissioni, che sono salite di quasi il 6% rispetto al terzo trimestre, grazie alla crescita della componente da servizi nell’ordine del 9,4%.

Dando uno sguardo al costo del rischio questo è stato pari a 57 punti base, in linea con la guidance, mentre il totale dei crediti deteriorati a fine 2023 si è attestato a 3,5 miliardi di euro di esposizione lorda con una esposizione netta di 1,8 miliardi di euro. Il tasso di copertura è salito dal 48,1% al 49,1%, a causa della maggior copertura delle sofferenze, mentre l’ammontare del petitum per i rischi legali straordinari si è ridotto a circa 890 milioni.

In questo contesto, da sottolineare la solida patrimonialità di Banca MPS, con un CET1 ratio al 18,1%, in aumento di 248 punti base rispetto all’anno precedente. Grazie a questi numeri la banca senese ritorna, dopo 13 anni e con un anticipo di due anni rispetto al target del piano industriale, a distribuire un dividendo di 0,25 euro, superiore alle attese degli analisti che si aspettavano uno stacco vicino agli 0,05 euro nel migliore dei casi

 

Azioni Banca MPS: analisi tecnica e strategie operative

Andiamo ora a vedere come stanno reagendo le azioni Banca MPS dopo questi i risultati. Con volumi già superiori 3 volte la media giornaliera mensile la seduta è in deciso territorio positivo e i prezzi  si portano sui massimi di periodo oltre i 3,5 euro. Nel breve termine una conferma sopra le ex resistenze poste sui 3,43 euro dovrebbe far proseguire il movimento rialzista in direzione dei massimi intraday posti sui 3,61 euro, grazie al quale le quotazioni hanno chiuso in queste ore il gap-down lasciato il 14 ottobre del 2022 in area 3,5635 euro.

Dal punto di vista operativo, il superamento dei 3,61 euro andrebbe a rafforzare il quadro grafico, aprendo la strada per ulteriori allunghi fin verso la soglia dei 4 euro. Al contrario, solo con la perdita dei 3 euro si avrebbe una fase correttiva più intensa, con un primo obiettivo situato sugli ex massimi dell’anno passato situati sui 2,75 euro. L’eventuale discesa sotto tali sostegni farebbe proseguire le vendite prima in direzione dei 2,64 euro, dove troviamo la media mobile di lungo periodo, e successivamente verso i 2,5 euro. Nel caso in cui si dovesse assistere a una violazione di tali supporti aumenterebbero le chance per un ritorno del titolo in direzione dei minimi degli ultimi 6 mesi posti sui 2,25 euro.

 

 

DISCLAIMER

Le analisi in oggetto non sono state sponsorizzate dall’emittente o dall’intermediario menzionato. Le informazioni contenute non devono essere considerate né interpretate come consulenza in materia di investimenti. Eventuali punti di vista e/o opinioni espressi non sono intesi e non devono essere interpretate come raccomandazioni o consigli di investimento, fiscali e/o legali. BORSAEFINANZA SRL non si assume alcuna responsabilità per azioni, costi, spese, danni e perdite subite a seguito di informazioni, punti di vista o opinioni presenti nelle analisi di borsaefinanza.it. Prima di intraprendere decisioni di investimento, invitiamo gli utenti a leggere la documentazione regolamentare sempre disponibile per legge sui siti degli emittenti ed ottenere una consulenza professionale. Qui è possibile trovare le informazioni sul produttore dell’analisi.

AUTORE

Picture of Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *