Azioni Diasorin: quali i target con il nuovo Piano Industriale? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Diasorin: quali i target con il nuovo Piano Industriale?

Un lab meeting nell'azienda di diagnostica Diasorin. Alcuni ricercatori inquadrati davanti al logo della società

A Piazza Affari la nuova settimana si è aperta all’insegna delle vendite per le azioni Diasorin, con il mercato che sta cercando di digerire il nuovo Piano industriale 2024-2027 comunicato dalla società nella serata di venerdì scorso. Nello specifico il completamento dei progetti strategici esistenti e l’avvio di nuove iniziative messe in campo dal Gruppo attivo nel campo della diagnostica andranno a sostenere la crescita nel periodo di riferimento del Piano.

Nel 2024 i ricavi ex Covid dovrebbero crescere in un range tra +5% e +7%, mentre i ricavi Covid sono attesi nei pressi dei 30 milioni di euro. Per quanto riguarda il periodo 2025-2027  le stime prevedono una crescita da high-single-digit a low double digit, con un’Ebitda adjusted margin previsto al 32%/33% nel 2024 per spingersi al 36%/37% alla fine del Piano industriale. Nel dettaglio saranno tre i driver che dovranno guidare la crescita: l’immunodiagnostica, la diagnostica molecolare, settore nel quale è previsto il lancio di nuove piattaforme, le licensed technologies dove saranno possibili nuove opportunità nel settore biofarmaceutico grazie alla recente introduzione della piattaforma Intellifex.

Nel corso della presentazione del nuovo Piano il gruppo ha anche sottolineato come con l’acquisizione di Luminex, avvenuta nel 2021, Diasorin disponga di un portafoglio di prodotti e tecnologie molto diversificato, in grado non solo di cogliere differenti traiettorie di crescita ma in particolar modo di essere presente negli Stati Uniti, il più grande mercato IVD al mondo e il più premiante dal punto di vista dell’innovazione.

 

Azioni Diasorin: analisi tecnica e strategie operative

Andiamo ora a vedere come sta rispondendo l’azione Diasorin sul FTSE Mib dopo queste notizie. È un inizio di settimana all’insegna delle vendite, con volumi superiori alla media giornaliera mensile. Diasorin prosegue la fase correttiva innescatasi nell’ultima seduta della scorsa ottava con i prezzi che scendono sotto le ex resistenze poste sulla soglia dei 92 euro. Nel breve termine una conferma dei corsi sotto questi supporti dovrebbe far proseguire le vendite prima verso i minimi odierni situati sugli 87 euro, dove troviamo la media mobile a 50 giorni, e successivamente in direzione degli 84,6-84,5 euro dove transita l’indicatore daily del Supertrend. Nel caso in cui anche questi supporti dovessero essere violati, si aprirebbero le porte per un test sui minimi annuali posizionati sulla soglia degli 81 euro.

Al contrario, il ritorno oltre i 92 euro aprirebbe la strada per un recupero dell’azione verso i massimi della scorsa ottava situati sui 97,3 euro. Dal punto di vista operativo il superamento di tali aree resistenziali andrebbe a riattivare il recupero partito nella seconda parte dello scorso mese di ottobre con primi obiettivi i 100 euro e successivamente i massimi degli ultimi 5 mesi in area 102 euro. Sopra questi ultimi livelli sono possibili nuovi apprezzamenti per il titolo fin verso i 106-106,5 euro.

 

DISCLAIMER

Le analisi in oggetto non sono state sponsorizzate dall’emittente o dall’intermediario menzionato. Le informazioni contenute non devono essere considerate né interpretate come consulenza in materia di investimenti. Eventuali punti di vista e/o opinioni espressi non sono intesi e non devono essere interpretate come raccomandazioni o consigli di investimento, fiscali e/o legali. BORSAEFINANZA SRL non si assume alcuna responsabilità per azioni, costi, spese, danni e perdite subite a seguito di informazioni, punti di vista o opinioni presenti nelle analisi di borsaefinanza.it. Prima di intraprendere decisioni di investimento, invitiamo gli utenti a leggere la documentazione regolamentare sempre disponibile per legge sui siti degli emittenti ed ottenere una consulenza professionale. Qui è possibile trovare le informazioni sul produttore dell’analisi.

AUTORE

Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *