Azioni europee del lusso: gli investitori puntano sull'esposizione alla Cina - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni europee del lusso: gli investitori puntano sull’esposizione alla Cina

Azioni europee del lusso: gli investitori ora puntano sull'esposizione alla Cina

Le azioni europee del lusso esposte alla Cina stanno salendo. Da inizio 2024, l’indice Stoxx Luxury 10 ha segnato +9,3% molto al di sopra  dello 0,8% dello Stoxx Europe 600. Il benchmark è particolarmente legato alla Cina, dal momento che il 26% degli utili delle società che lo compongono derivano dalle attività in territorio cinese (dati Barclays).

A suonare la carica nel settore del lusso sono soprattutto LVMH e Hermès, i cui conti pubblicati recentemente hanno sorpreso in positivo il mercato e attenuato lo spauracchio che il declino dell’economia del Dragone possa pesare oltremodo sui bilanci dei leader del lusso europeo. “Nonostante un calo del traffico nei centri commerciali in Cina, ciò non si è riflesso nei dati del quarto trimestre”, ha affermato l’amministratore delegato di Hermès, Axel Dumas.

Lo scorso anno, l’economia cinese è cresciuta del 5,2%, registrando uno dei tassi più lenti degli ultimi decenni. Alcuni economisti sospettano che la cifra resa nota dalle autorità di Pechino possa essere sovrastimata, viste le difficoltà del Paese, in particolare per quanto riguarda il settore immobiliare. Tuttavia vi sono segnali che fanno pensare a una ripresa, come il recupero nei  settori servizi e  costruzioni come testimoniato dall’indice dei responsabili degli acquisti non manifatturieri,, salito al livello più alto dal mese di settembre. Anche sul fronte dell’attività manifatturiere si registrano dei miglioramenti. Il settore continua a contrarsi ma in modo più lento.

 

Azioni europee del lusso: ecco cosa pensano gli operatori di mercato

Negli ultimi mesi le autorità governative cinesi sono intervenute a più riprese nel tentativo di risollevare l’economia della nazione e di ripristinare la fiducia nei mercati finanziari dopo una discesa dai picchi del 2020 di circa 2.000 miliardi di dollari di capitalizzazione.

Secondo Florian Ielpo, responsabile macro di Lombard Odier Investment Managers, le azioni europee rappresentano oggi “il modo più sicuro per ottenere esposizione alla Cina, traendo vantaggio dal miglioramento dell’economia che ancora non è scontato nei prezzi delle azioni”. In questo contesto, Ielpo considera i titoli del lusso come “il luogo più ovvio in cui investire”.

Emmanuel Cau, responsabile della strategia azionaria europea di Barclays, invece denuncia un eccessivo allarmismo generale riguardo le condizioni dell’ex-Celeste Impero sul versante economico. “In alcuni casi la negatività sulla Cina è piuttosto esagerata”. Tuttavia, l’esperto ha “iniziato a ridurre l’esposizione in modo selettivo, in particolare riguardo il lusso”.

Al contrario, BNP Paribas sta ora sovrappesando le azioni del lusso europeo, Questo è “un modo migliore per posizionarsi sulla Cina rispetto all’acquisto di azioni locali o all’investimento in titoli industriali europei”, ha affermato Anik Gheedia, capo strategist per le azioni della banca francese.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *