Azioni lusso: in Europa peggior trimestre dal 2020, vanno comprate? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni lusso: in Europa peggior trimestre dal 2020, vanno comprate?

Azioni lusso: in Europa il peggiore andamento trimestrale dal 2020, vanno comprate ora?

Le azioni europee del lusso hanno mostrato evidenti segni di cedimento negli ultimi mesi. L’indice STOXX Europe Luxury 10, che racchiude le prime dieci aziende europee del settore, è crollato di quasi il 18% nel terzo trimestre, il più grande scivolone trimestrale dal 2020 e la peggiore performance in tre mesi mai registrata rispetto allo STOXX 600, sceso del 2,5%.

Il rallentamento dell’economia cinese e le preoccupazioni per l’effetto del rialzo dei tassi d’interesse sull’economia hanno reso cauti gli investitori ,che solo fino a qualche mese fa consideravano il lusso in Europa come la tecnologia negli Stati Uniti, ossia un comparto su cui fare affidamento. “Il settore si è fortemente svalutato negli ultimi 2-3 mesi a causa di una combinazione di aumento dei tassi d’interesse, posizionamento degli investitori e previsione di riduzione degli utili” ha commentato Bernard Ahkong, strategist di UBS.

 

Lusso: cosa aspettarsi delle azioni europee?

La cartina di tornasole sull’effetto dei venti contrari sulle società del lusso saranno, nelle prossime settimane, i dati trimestrali. La prima a scendere in campo sarà il 10 ottobre il gigante francese LVMH che il mese scorso ha perso la palma di società quotata più preziosa d’Europa, scavalcata dall’azienda farmaceutica danese Novo Nordisk.

Diversi analisti sono ora cauti sulle azioni del lusso. Quantunque le valutazioni siano scese i multipli sono ancora più elevati che nel resto del mercato. Ad esempio, il titolo LVMH è scambiato a circa 21 volte i guadagni attesi per i prossimi 12 mesi e le azioni Richemont sono negoziate a 15,6 volte, a fronte di un rapporto price/earnings dello STOXX 600 di 12 volte. UBS ha ridotto le stime sul settore perché a giudizio dei suoi analisti le azioni subiranno il contraccolpo del rallentamento dei consumi cinesi. Morgan Stanley e Bank of America sono dello stesso avviso, tanto da aver tagliato le loro previsioni sugli utili per azione per il 2024 relativamente alle società del lusso rispettivamente del 6% e del 7%.

Ci sono però anche alcuni analisti che ritengono il settore un’opportunità in questo momento, alla luce dei ribassi recenti. Per gli analisti di Bernstein “la correzione settoriale è stata eccessiva”, mentre aziende come LVMH si trovano in una posizione migliore in un contesto economico incerto perché “stanno spendendo per il marketing e allentando gli aumenti dei prezzi”.

Anche Gilles Guibout, responsabile delle strategie azionarie europee di AXA Investment Mangers, che era rimasto prudente all’inizio dell’anno allorché le valutazioni azionarie erano alle stelle, ora mostra un certo interesse per le azioni del lusso. “Fino ad ora i nomi del lusso sono stati visti come un porto sicuro e questo è stato anche il motivo per cui non eravamo così desiderosi di essere in sovrappeso”. Tuttavia “con valutazioni ora più vicine alle medie di lungo termine, il settore è più interessante” ha riferito. Ad ogni modo Guibout per ora continua a mantenersi cauto in quanto a suo giudizio “i risultati trimestrali dovrebbero confermare un rallentamento delle attività”.

AUTORE

Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *